Coronavirus, altri due casi sospetti al Venezia | Chiesti i tamponi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:29

Dopo la positività di Antonio Vacca al Coronavirus, in casa Venezia si sospetta che altri due giocatori siano contagiati: le parole del direttore generale

during the serie B match between Venezia FC and US Citta di Palermo at Stadio Pier Luigi Penzo on April 27, 2018 in Venice, Italy.

Il Coronavirus continua a diffondersi anche nel mondo del calcio. Nonostante la curva dei contagi stia cominciando a scendere, alcuni giocatori continuano ad essere trovati positivi. In casa Venezia due giorni fa è arrivata l’ufficialità del contagio di Antonio Junior Vacca, centrocampista classe 1990. Nella squadra di Alessio Dionisi però, c’è il sospetto che altri due giocatori possano essere positivi al Covid-19. A spiegare la situazione interviene il direttore generale della società, Dante Scibilia.

Potrebbe interessarti anche >>> Empoli, Mancuso: “La ripresa non mi spaventa | Poi ‘punta’ la Serie A

Potrebbe interessarti anche >>> Coronavirus, anche Sarri scende in campo | Maxi donazione di mascherine

Aiac Ulivieri Serie A
Pallone Serie B (Getty Images)

Potrebbe interessarti anche >>> ESCLUSIVO Schwoch: “Campionato sospeso? anche il Frosinone merita la promozione…”

Coronavirus, dopo Vacca si sospettano altri due contagi: le dichiarazioni del dg del Venezia

Dopo la notizia del contagio del centrocampista Antonio Junior Vacca, a Venezia altri due giocatori potrebbero essere positivi al Coronavirus. Il direttore generale, Dante Scibilia, al ‘Corriere del Veneto‘ dichiara: Preferiamo al momento non rivelare i nomi dei giocatori coinvolti, almeno fino a quando non si saprà tutto con certezza. I sintomi sono febbre e tosse, essendo molto avanti con la stagione, il dubbio che possano essere positivi al Coronavirus c’è. Non abbiamo facoltà di sottoporli a tampone, dobbiamo avanzare una richiesta che abbiamo già presentato alle autorità sanitarie. A sua volta chi di dovere deciderà se accettare la richiesta che abbiamo motivato con la positività di Vacca, anche se non lo vedevamo da circa 20 giorni, l’ultimo allenamento si è tenuto il 12 marzo. La speranza è che non ci sia connessione con gli altri due casi sospetti che abbiamo in squadra, vista la distanza temporale che c’è fra l’ultimo allenamento e la data di comunicazione di positività di Vacca”.

Antonio Junior Vacca (Getty Images)

Nei prossimi giorni si spera che si saprà con certezza chi sono i due calciatori interessati e sopratutto se risulteranno positivi o no al Covid-19, nel frattempo la società preferisce non rivelare i nomi dei due interessati.

Potrebbe interessarti anche >>> Emergenza Coronavirus, niente Serie A: annuncio shock dell’esterno