Livorno, caos totale | Contratti non rinnovati, tutta la rosa via subito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:50
Livorno Spinelli proroga contratti
Aldo Spinelli @ Getty Images

Situazione al limite dell’assurdo in casa Livorno. Arriva la decisione che non ti aspetti da parte di Spinelli: niente proroga dei contratti

Regna il caos in casa Livorno. La squadra, nonostante qualche lieve segnale di ripresa, sprofonda sempre più in una situazione catastrofica, sia per il posizionamento in classifica che per questioni interne. Il presidente dei toscani Aldo Spinelli, infatti, ha deciso di non rinnovare i contratti in scadenza oggi, nonostante una stagione ancora non terminata. Per tutti i club è stata infatti necessaria una proroga dei contratti per non vedersi dimezzata, o comunque stravolta, la rosa. Gli amaranto dovranno così fare a meno di ben 18 calciatori.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Frosinone, ancora una sconfitta | Nesta a rischio

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, affare in chiusura per Sene | Le ultime di BNEWS

Livorno, niente proroga: rosa più che dimezzata

La proroga è arrivata soltanto per mister Filippini, che si ritroverà a guidare un gruppo composto per lo più dai giovani della Primavera del club. Resteranno infatti in rosa soltanto 8 calciatori, tutti con contratto in scadenza tra qualche anno. Il nucleo del Livorno sarà dunque composto da Bogdan, Agazzi, Di Gennaro, Porcino, Marsura, Murilo, Mazzeo e Braken, a cui si dovranno necessariamente aggiungere i giovanissimi della Primavera.

Per tutte le ultime notizie di giornata CLICCA QUI!

Livorno contratti proroga scadenza spinelli
Antonio Filippini (Getty Images)

La salvezza, nonostante un ritorno dal lockdown con un piglio diverso, ora è sempre più un miraggio per i toscani, che scenderanno in campo, nei prossimi match, con un quadro completamente stravolto rispetto a quello di inizio stagione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Calciomercato Benevento, colpo per la Serie A | Pronto un triennale!

Calciomercato Juventus, un baby al Barcellona per chiudere il super scambio