Serie C, l’attacco del presidente: “Un sopruso!”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:29

Continuano a far discutere le decisioni prese sulla possibile ripresa della stagione: arriva la polemica del presidente del club

Calciomercato Bundesliga Bulter
Pallone Serie B (Getty Images)

Il mondo del calcio vuole ripartire e lavora per provare a farlo nelle prossime settimane. In Serie A e in Serie B la situazione sembrerebbe tutto sommato tranquilla e sotto controllo, mentre in Serie C ci sarebbero diverse decisioni che starebbero facendo discutere gli addetti ai lavori.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, la Serie A mette gli occhi sul calciatore ex Inter!

Serie C, presidente Rimini: “Perché Monza, Vicenza e Reggina vanno in B senza la matematica certezza?”

Cosenza Riviere
Pallone Serie B (Getty Images)

Giorgio Grassi, presidente del Rimini, ha parlato della situazione della terza serie nazionale ai microfoni di “C Siamo”, trasmissione in onda su Rai Sport. Queste le sue parole: “La conclusione della stagione è irregolare e in totale difformità da quanto previsto il primo luglio a inizio stagione. Così si va a finire nell’illegalità, non capisco perché Monza, Vicenza e Reggina debbano essere promosse in Serie B. Per me è un sopruso, non esiste giustificazione logica e legale, i campionati si vincono sul campo quando c’è la matematica certezza”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, torna Corini: doppia pista in panchina per il club

Sui playoff: “Ci sono ancora 11 gare da giocare con l’obbligo dei playoff con tutti i club. Se si gioca in condizioni regolari non esiste una società che non sogna di arrivare agli spareggi per la Serie B. Nell’assemblea ci siamo sentiti ostaggio, doveva servire per chiudere il campionato”.

coronavirus Rovers Bennet
Pallone EFL Championship (Getty Images)

Problemi della Serie C: “Siamo un mondo a parte, considerati professionisti ma senza i loro stessi introiti. E se abbiamo un problema non ci ascolta nessuno”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Calciomercato, colpo UFFICIALE | Arriva il riscatto

Calciomercato Chievo, senatori ai margini | Scenario clamoroso