Cristian Bucchi è il tecnico chiamato a riportare il club toscano in Serie A. L’ex attaccante ha come modelli di riferimento Giampaolo e Sarri

Cristian Bucchi Empoli (Getty Images)

L’Empoli ha scelto Bucchi come guida per tornare subito nel massimo campionato. Il cammino del tecnico dei toscani inizia nel 2012, dove un anno prima aveva chiuso la sua carriera da giocatore. Un anno con la squadra Primavera abruzzese, nella stagione successiva arriva la promozione in prima squadra, complice l’esonero di Bergodi. L’allenatore nato 42 anni fa a Roma, in 11 partite raccoglie un solo punto, la squadra retrocede in Serie B, da ultima in classifica. A fine stagione l’addio agli abruzzesi e l’approdo sulla panchina del Gubbio, in Lega Pro. Esperienza negativa con il club umbro, culminata con l’esonero dopo la pesante sconfitta interna per 5 a 0 nel derby col Perugia. A gennaio 2015 Bucchi viene chiamato dalla Torres per sostituire Cosco, costretto a lasciare per motivi di salute. Il tecnico conduce i sardi alla salvezza in Lega Pro. Al termine della stagione resta nella stessa serie, firmando con la neo promossa: terzo posto e playoff per i marchigiani, eliminati poi dal Pisa.

Per tutte le ultime notizie sul mercato di Serie B CLICCA QUI!

Bucchi, Giampaolo e Sarri i modelli di riferimento del tecnico romano

Leggi anche – Calciomercato Empoli, colpo dalla Serie A in difesa: la conferma del giocatore

Nella stagione 2016/2017 sbarca in Serie B, con la squadra umbra, una delle tante di cui ha vestito la maglia da giocatore. Chiude al quarto posto e cade nella semifinale dei playoff contro il Benevento. Ma al termine della stagione in A ci va comunque, diventando allenatore del Sassuolo: l’avventura sulla panchina emiliana dura pochi mesi perché a novembre viene sollevato dall’incarico, sostituito da Iachini, al quale lascia la squadra quint’ultima in classifica, a +1 dalla zona salvezza. Luglio 2018, Bucchi viene annunciato come nuovo allenatore del Benevento, retrocesso nella serie cadetta. Ancora una volta perde la semifinale dei playoff e il club campano non lo conferma. A giugno scorso la chiamata del patron dell’Empoli Corsi. Firma un contratto biennale, ma la missione è di riportare subito i  toscani in A. Nella conferenza stampa di presentazione ha detto: “L’idea è  di sviluppare il 4-3-1-2, giocando un calcio propositivo, mi piace difendere attaccando.  Giampaolo e Sarri sono allenatori importantissimi, credo che debbano essere studiati con umiltà e utilizzati come riferimenti”. Contro la Juve Stabia sono arrivati i primi tre punti stagionali. Sabato prossimo è già tempo di scontro diretto, al Bentegodi con il Chievo.

Q.G.