Ilija Nestorovski (Getty Images)

Il Palermo vuole tornare nella massima serie dopo due stagioni in Serie B. Il punto sulla società rosanero guidata dal tecnico Roberto Stellone

Il Palermo nell’ultima giornata ha ottenuto una convincente vittoria contro il Cosenza per 2-1 grazie alle reti di Salvi e Puscas giunte nel finale di gara. Quella contro i calabresi è per i rosanero il quinto risultato utile consecutivo (4 vittorie ed un pareggio) che ha permesso alla formazione di essere al secondo gradino della classifica, ma con una partita in meno rispetto alla capolista Pescara. Sino ad ora i siciliani hanno sbagliato poco ottenendo 6 vittorie, 3 pareggi ed una sconfitta nelle 10 gare disputate nella serie cadetta. L’unico KO rimediato è quello incassato a Brescia per 2-1 il 25 settembre nella 5^ giornata di Serie B, costato il posto a mister Tedino che ha lasciato il posto a Stellone. Con il nuovo tecnico la corsa del Palermo verso la promozione senza passare dai playoff, proprio dove in finale si è fermato il cammino rosanero l’anno scorso, continua a passo spedito. Prima dell’arrivo dell’allenatore laziale il ritardo del Palermo nei confronti della vetta era di cinque punti, ma le ultime gare lo hanno rispedito al vertice.

Palermo: attacco e difesa tra le migliori del campionato

La forza del Palermo di quest’anno sembra la capacità di saper soffrire e riuscire a portare a casa il massimo risultato, quasi senza strafare. Nonostante il secondo posto in classifica ad un punto dal Pescara, con un match da recuperare, la squadra di Stellone non possiede né il miglior attacco né la miglior difesa. Per quanto riguarda il reparto avanzato hanno fatto meglio Lecce e Pescara con 19 reti, una in più del Palermo ed il Benevento con due gare da recuperare è a quota 17. Dei sei successi ottenuti sino ad ora, ben quattro sono arrivati con una rete di scarto, solo contro Perugia e Carpi le Aquile hanno dilagato. Anche la difesa non è la migliore della serie cadetta: 9 reti subite, quasi una partita per Brignoli e compagni. Hanno fatto meglio Cittadella e Cremonese che hanno incassato rispettivamente 6 e 8 gol. La solidità della squadra rosanero, una tra le favorite per la promozione, però, non è in discussione. L’arma in più di questa società, analizzando questo avvio di stagione, sembra essere la coesione del gruppo che viaggia dritto verso un unico obiettivo.

Palermo, prossimo turno: sfida per la leadership contro il Pescara

La prova del 9 arriverà domenica già nel corso della prossima giornata quando i siciliani voleranno a Pescara per sfidare la capolista allo Stadio Adriatico. Un’occasione d’oro per il Palermo che potrebbe mettere la freccia e volare a più due in classifica dagli abruzzesi con una partita ancora da recuperare. Il big match valido per la dodicesima giornata di Serie B proporrà una sfida all’interno dei 90 minuti quella tra i due bomber che stanno trascinando le rispettive squadre: Nestorovski e Mancuso. Il centravanti italiano del Pescara guida la classifica dei cannonieri del campionato cadetto con 7 reti insieme a Donnarumma, mentre il macedone del Palermo ha realizzato due marcature in meno.

Calciomercato Palermo: si cerca un vice Nestorovski per rinforzare l’attacco

Ilija Nestorovski (Palermo)
Ilija Nestorovski (Palermo) (Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)

Il patron Maurizio Zamparini sembra essere interessato a due giovani attaccanti per concedere al tecnico Stellone un rinforzo per il reparto offensivo. Il Palermo può già vantare degli attaccanti che si stanno mettendo in mostra, ma la società sta valutando dei possibili rinforzi. Sembra che i siciliani, difatti, stiano valutando due giovani punte:  il montenegrino Nikola Krstovic dello Zeta Golubovac e Zan Celar della Primavera della Roma. I due giocatori rispettivamente classe 2000 e classe 1999 hanno suscitato l’interesse del Palermo sempre grande scopritore di importanti talenti.