Calciomercato Livorno, brutte notizie sulla cessione | Frenata per la trattativa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:51

Prosegue il momento delicato del Livorno sia in campionato che sul fronte societario. Brutte notizie arrivano in merito alla cessione della società. Tifosi proccupati per le sorti del club

Calciomercato Livorno, decisinoe drastica di Spinelli: fuori Milli e Signorelli
Aldo Spinelli (Getty Images)

Rallenta la trattativa per la cessione del Livorno. La società quindi, al momento, resta nelle mani della famiglia Spinelli. Si registra infatti una frenata con Share’nGo, il marchio gestito dalla società livornese Cs Group, fondata e diretta da Emiliano Niccolai e di cui Majd Yousif è diventato amministratore unico lo scorso dicembre 2019. L’imprenditore libanese con cittadinanza olandese prende tempo. Ha bisogno di qualche giorno in più per capire bene i dettagli dell’operazione. Rinviato quindi il nuovo incontro fissato per lunedì 10 febbraio, giorno in cui si sarebbe dovuto ratificare l’accordo davanti ad un notaio.

Entrando nei dettagli, Spinelli ha chiesto alla controparte le dovute garanzie finanziare a coprire i costi dell’eventuale acquisto e della gestione futura. E proprio quest’ultimo punto ha portato ad una pausa di riflessione ai possibili acquirenti. I costi di gestione della società, infatti, già in un anno supererebbero quelli di un eventuale acquisto sia in serie B che in serie C.

LEGGI ANCHE >>> Lotito-Salernitana, pericolo cessione in caso di Serie A: la situazione

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Livorno, le cifre della cessione | C’è la percentuale sui calciatori

Cessione Livorno, effetto domino: anche il nuovo stadio può aspettare

foto getty images

A cercare di mediare tra le parti nei giorni scorsi era intervenuto anche il sindaco di Livorno Luca Salvetti che aveva parlato di un “accordo trovato al 100%”. Il primo cittadino si è impegnato in prima persona anche per ciò che concerne la realizzazione del nuovo stadio, incontrando, giovedì scorso, Paolo Palermo, il procuratore che insieme all’imprenditore Antonio Ciuffarella sarebbe interessato alla realizzazione dell’impianto. Il progetto ricalcherebbe in linea di massima quello dello stadio di Frosinone ma anche quello in fase di realizzazione a Caserta. Per la realizzazione ci vorranno 4 anni ma lo stadio resterebbe fruibile anche se con capienza ridotta.

LEGGI ANCHE >>> Frosinone, Nesta: “Tanti parlano a vanvera. Proprietà soddisfatta, altrimenti…”