Juventus-Sassuolo, Turati: ecco il baby-portiere che ha fermato i bianconeri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:23
Stefano Turati Sassuolo (Getty Images)

Il sorprendente pareggio ottenuto dal Sassuolo in casa della Juventus ha visto protagonista il portiere Turati. Andiamo alla scoperta del giovanissimo giocatore degli emiliani  

Un esordio come quello di Turati non capita tutti i giorni. Contro la Juventus e da migliore in campo dopo aver fermato fuoriclasse del calibro di Ronaldo e Dybala. E a fine gara è rimasto praticamente stordito quando ha ricevuto i complimenti e l’abbraccio di Buffon, forse il portiere più forte di sempre, suo idolo e che ha reso ancora più speciale il battesimo in Serie A. “Mi sono emozionato a vederlo da vicino”, ha dichiarato il giocatore del Sassuolo, schierato da De Zerbi vista la concomitante indisponibilità di Consigli e Pegolo. Turati ha ripagato in pieno la fiducia del tecnico con una prestazione top: strepitose le parate sul calcio di punizione di Ronaldo e su un tiro ravvicinato di Dybala. Il baby portiere è il primo portiere nato dopo il 2000 a giocare in Serie A. Turati ha grande senso della posizione, reattività e soprattutto freddezza, indispensabile in un ruolo come il suo.

Leggi anche – Serie B, dal Benevento al Cittadella: il calendario fino alla sosta

Leggi anche – Calciomercato Perugia, Melchiorri può andar via per un club di Serie B

Sassuolo, il ragazzo prodigio che ha fermato la Juventus del suo idolo Buffon

during the Serie A match between Juventus and US Sassuolo at on December 1, 2019 in Turin, Italy.

L’estremo difensore nero-verde nasce a Milano il 5 settembre di 18 anni fa, cresce nelle giovanili dell’Inter, poi passa al Pavia e al Renate, senza però collezionare presenze in Lega Pro. Lo scorso anno il passaggio al Sassuolo. Diventa il numero uno della Primavera, 21 le presenze totali finora. Da sei giornate è aggregato alla prima squadra, complice la frattura ad un dito subita da Pegolo. A inizio novembre è arrivata anche la convocazione nell’Italia Under 19 del ct Bollini. Ieri la prima e indimenticabile presenza in Serie A contro la Juventus di Buffon, 23 anni più di lui e suo idolo da sempre. Chissà che non possa essere un ideale passaggio di consegne.

Q.G.

Leggi anche – Crotone, dal possibile addio al calcio alla Serie B: la storia di Messias

Leggi anche – Calciomercato Pescara, Brunori può partire: lo vogliono in Serie C