Ascoli-Salernitana, Padella sbotta: “Siamo delusi e arrabbiati”

Emanuele Padella (Getty Images)

L’Ascoli è caduto in casa per 2-4 contro la Salernitana. Dopo la sfida il capitano Emanuele Padella non le ha di certo mandate a dire. 

Giornata negativa per l’Ascoli che ieri pomeriggio ha rimediato un pesantissimo KO interno contro la Salernitana per 2-4. I bianconeri guidati in panchina da Vincenzo Vivarini si sono sciolti sotto i colpi di Calaiò, Casaola e Jallow nonostante l’iniziale vantaggio firmato da Ninkovic. Una debacle che ha portato alle parole cariche di nervosismo del capitano Emanuele Padella in conferenza stampa: “Questa società e questi tifosi non meritano certi comportamenti e queste prestazioni. L’arbitraggio non ci ha di certo dato una mano ma oggi non è il caso di parlare di direttori di gara, dobbiamo guardare solo a noi e lavorare col mister per uscire da questo momento difficile. Nelle ultime tre partite in casa abbiamo incassato nove gol: c’è da migliorare, da tornare come prima”.

Per tutte le notizie di mercato CLICCA QUI!

Ascoli, la rabbia di Padella

Segui ‘Seriebnews.com’ su Instagram —–> CLICCA QUI!

Padella ha quindi rincarato la dose: “Siamo delusi, amareggiati e incazzati, da capitano ci metto la faccia, oggi avremmo voluto ottenere i tre punti per i nostri tifosi, eravamo partiti forte, ma poi abbiamo perso tanti contrasti a centrocampo, la Salernitana l’ha messa sulla fisicità con Di Tacchio e Minala; nel primo tempo non abbiamo offerto una prestazione da Ascoli, abbiamo sofferto sui calci d’angolo, tanto che da lì abbiamo preso due gol, sul 2-1 non c’è stata reazione e abbiamo incassato anche la terza rete. All’intervallo ci siamo guardati negli occhi, la squadra aveva voglia di reagire, questa piazza merita di più.  Ora tutti dobbiamo fare gruppo, noi, Società, tifosi e giornalisti, dobbiamo pensare a salvarci, non c’è da parlare di playoff, c’è solo da tirarsi su le maniche e pedalare”.