Pasquale Padalino, allenatore: età, carriera e caratteristiche

 

Andiamo a conoscere Pasquale Padalino, prossimo allenatore che si siederà sulla panchina del Foggia.

A meno di clamorosi ribaltoni, nelle prossime ore il Foggia accoglierà Pasquale Padalino come suo nuovo allenatore, dopo aver esonerato Grassadonia. Il tecnico foggiano avrà l’importante compito di far uscire la squadra pugliese dalla zona retrocessione. Andiamo a conoscere la carriera, la vita privata e le caratteristiche del prossimo nuovo tecnico del Foggia.

Per tutte le notizie più importanti CLICCA QUI!

Pasquale Padalino, allenatore: biografia e caratteristiche tecniche

Paquale Padalino nasce a Foggia il 26 luglio 1972. Di ruolo difensore, dal 1988 al 2004 disputa 330 partite ufficiali tra Serie A e Serie B, vestendo le maglie di club Foggia, Inter, Bologna, Fiorentina, Lecce e Como. Sigla anche 14 gol in carriera, disputando nel 1999/2000 anche tre gare in Champions League con la Fiorentina. Veste per una partita anche la maglia della Nazionale il 6 novembre 1996, nella gara contro la Bosnia. Dopo l’addio al calcio, Pasqualino comincia la sua carriera da allenatore, ricoprendo il ruolo di vice sulle panchine di Verona e Pisa tra il 2006 e il 2009. Il primo incarico vero da allenatore lo ottiene con la Nocerina nell’allora Lega Pro. A Nocera rimane dal 2 novembre 2009 al 15 marzo 2010, giorno in cui si dimette. Dopo due anni Padalino accetta la panchina del Foggia, con cui arriva in Lega Pro nel 2014. Compie altre due esperienze con Grosseto e Matera fino ad arrivare sulla panchina del Lecce nel 2016, firmando un biennale. Guida i salentini per 41 partite con una media di 1,98 punti per gara. Il 24 aprile 2017, nonostante il secondo posto in campionato, viene esonerato e sostituito da Roberto Rizzo a seguito di una pesante contestazione da parte dei tifosi, a causa del mancato raggiungimento della promozione diretta in B.

Come allenatore Padalino è solito identificare il 4-3-3 quale il suo modulo di base. Per la sua carriera infatti è stata molto importante la figura di Giampiero Ventura, allenatore del Verona nel 2006/2007, da cui ha imparato i segreti del mestiere. Altri moduli utilizzati in passato sono il 5-4-1, il 3-5-2 e il 4-3-1-2 con il centrocampo disposto a rombo. Predilige in gioco offensivo, rapido e in verticale.