ESCLUSIVO Seriebnews racconta: storie e curiosità sulle maglie del campionato Bwin 2011/2012

Ogni settimana una squadra diversa. Ogni giorno una curiosità o una storia differente, per raccontare tutto sulle maglie delle squadre che fanno parte della Serie Bwin 2011/2012.

Sesto appuntamento: il Crotone

Allo Scida, lo stadio di Crotone, il settore ospiti è poco sopra gli scavi della vecchia città. Quando gli “squali” entrano in campo risuona dagli altoparlanti il classico di Rino Gaetano “Ma il cielo è sempre più blu”. Le maglie del passato ricordano molto quelle di altre squadre con questi classici colori molto in voga in Italia. Il Crotone ha anche avuto una maglia simile al Catania ma solo in poche occasioni, è sempre stato un blu molto scuro, un dark blue! Maglia bianca negli anni 70 con lo stesso colletto del Cagliari di Gigi Riva coi laccetti. Negli anni sessanta, l’US Crotone aveva il classico calzoncini bianco e perciò la divisa era simile al Bologna. Maglia tutta rossa e panta blu nelle trasferte a Bari, un classico degli anni 70. Negli ultimi dieci anni i pitagorici hanno vestito il classico rossoblu ma con diverse situazioni grafiche. Nel 2000/01 sulla falsa riga della Kappa, la maglia da trasferta era bianca, totalmente bianca senza inserti rossoblu. Una maglia linda e pura con lo stemma sul cuore in risalto sul resto del corpo con la scritta blu sul petto di Caffè Guglielmo. Come prima maglia da sfoggiare allo Scida, ecco la divisa stile Genoa, Samb ed oggi anche il Gubbio. A quarti rosso e blu griffata Devis, davvero stilosa ed elegante nonché essenziale con i due colori in pieno risalto visti dalle tribune e dalla tv. La partita interna contro il Torino vide il Presidente del Crotone optare, come negli anni 60 e per dovere di ospitalità, la possibilità al Toro di giocare con la storica divisa granata. Era il Crotone di Salvatore Aronica, oggi al Napoli, e in quella gara si tagliò le maniche per farle ancora più corte. Crotone tutto bianco in casa, intero completo bianco con numeri blu sulle spalle. Per i portieri colori a sorpresa con tonalità alterne, per Mirante era arancione, nera invece per Soviero. Il più stravagante è stato però Generoso Rossi in C1 nel 1999/2000, maglia gialla con righe orizzontali nere. Un vespone! Nel 2008/09 si scelse una maglia celeste come il mare crotonese per le gare in trasferta. La maglia celeste fu utilizzata solo in tre occasioni, dunque molto rara. Una di queste apparizioni fu allo Zaccheria di Foggia. Anche i calzoncini erano celesti mentre i calzettoni erano bianchi. Inserti rossoblu sulla maglia e numeri blu sulla schiena, sempre firmata Devis. Anche azzurro mare è stato proposto per la maglia away, non male. Nel 2009/10 il Crotone è sceso in campo ad Ascoli per sfidare i bianconeri con la maglia gialla con nome e numero rosso, molto simile al Catanzaro, infatti non fu molto apprezzata dai tifosi. Ad Ancona invece, maglia interamente blu per il Crotone, rosso i dorici. Spesso sul petto c’era in bella mostra la scritta Città di Crotone, anche lontano dalla Calabria, la scritta era stavolta blu appena sopra il fascio rossoblu stile Genoa away. La Onze ha preferito le righe verticali della prima maglia molto strette, ben 4 fasce blue navy sul petto. Mentre la Zeus le ha proposte più larghe, a volte 3 blu, in altre occasione solo 2. Sempre con la Zeus, casa di Torre Annunziata (dove gioca il Savoia), anche la scritta dietro al collo “FC Crotone” in bianco. Con lo stemma societario non più sul cuore ma al centro del petto. La Zeus ha proposto anche una maglia a scacchi stile Croazia rossoblu, con numerazione bianca sulla schiena, famoso il 22 di Veron. Le maglie degli “squali” cambiano spesso grafica, spesso palata con righe verticali come Taranto e Cosenza ma anche orizzontali come QPR o Flamengo, una maglia diversa e di chiara origine rugbistica, ma proprio ben riuscita. Davanti fascioni orizzontali ma dietro verticali! La Zeus ha proposto anche una divisa con righe fittissime alcuni anni fa in una gara a Pescara, righe davvero numerose come il Milan di oggi e dei tempi di Gianni Rivera. A nostro avviso la maglia più bella della storia del Crotone è firmata Legea con lo squalo grande sul cuore. Collettone rosso con bottoncino bianco e maglia stile Genoa! Una delizia per tifosi e collezionisti. Dietro interamente rossa con la sola manica destra blu!

di Riccardo Morgigno

Notizie Correlate

Commenta