La crisi è aperta: tre ‘grandi’ di B tra delusioni e cambiamenti

In Serie B ci sono almeno tre club che stanno facendo i conti con un avvio di stagione ben al di sotto delle aspettative: la crisi è aperta, e si cercano soluzioni

Nell’ambito del ‘solito’ campionato cadetto. che racchiude tante squadre (12) in pochi punti (9) ci sono club che non possono certo sorridere. A fronte di alcune conferme – Brescia su tutte – e di alcune sorprese – Pisa, Cremonese ed Ascoli – esistono anche le squadre deluse. Almeno tre società stanno riflettendo sul presente: con un occhio ben aperto all’immediato futuro.

benevento insigne
Fabio Caserta, allenatore del Benevento ©LaPresse

La situazione di Parma, Benevento e Spal presenta dei punti in comune, ma anche delle differenze. Se in casa dei Ducali lo scettiscismo nei confronti del tecnico Maresca è una costante da inizio stagione – il Parma ha pagato un avvio disastroso senza mai riuscire ad affacciarsi in zona Playoff – la crisi dei giallorossi e dei ferraresi è precipitata nelle ultime settimane.

Serie B, le tre grandi riflettono sul futuro

Maresca Lucca Parma
Enzo Maresca © LaPresse

La posizione di Enzo Maresca è ormai traballante da settimane. Gli investimenti operati dalla nuova proprietà non stanno trovando riscontro dai risultati e soprattutto dalle prestazioni jn campo: l’ombra di Donadoni – ma anche la suggestione Crespo – prende sempre più forma.

LEGGI ANCHE >>> Il Parma si cautela: scambio con l’Atalanta e colpaccio per l’attacco

Il Benevento, in posizione privilegiata di classifica fino a tre settimane fa, è scivolato in men che non si dica all’undicesimo posto. Colpa delle tre sconfitte consecutive – l’ultima delle quali ieri a Pisa, dove un assedio prolungato non ha portato al pareggio -. Anche qui a pagare per tutti potrebbe essere Fabio Caserta, che si è detto comunque soddisfatto dell’ultima prestazione dei suoi.

LEGGI ANCHE >>> Titolarità negata, può partire a gennaio | Addio Benevento

Al sedicesimo posto troviamo poi la Spal, la cui ultima vittoria risale al 28/10: sono solamente 5 i punti raccolti in altrettante gare. La rovinosa caduta interna contro l’Alessandria ha fatto scattare l’allarme in casa biancazzurra. Il tecnico Clotet, atteso ora dalla trasferta di Cosenza, è chiamato a tornare alla vittoria il prima possibile se non vuole finire nel vortice di un possibile esonero.