Questa stagione di Serie B ha messo in mostra molti allenatori emergenti che il prossimo anno potrebbero puntare al grande salto. Da Liverani a Grosso e Corini, la Serie A chiama

Liverani
Liverani (Getty Images)

La volata per la Serie A volge al termine. La lotta per la promozione diretta e i playoff si fa sempre più serrata, con un campionato di Serie B decisamente imprevedibile e spettacolare. Il merito è stato anche degli allenatori emergenti che hanno allestito squadre competitive ma soprattutto divertenti. E’ il caso, in primis, del Lecce di Fabio Liverani che si è fatto apprezzare per il bel gioco a dispetto di un campionato che spesso ha fatto emergere l’agonismo e la fame. Vicinissimo alla Serie A, invece, il Brescia di Eugenio Corini che ha potuto contare sui bomber di questa Serie B. Ha riscosso complimenti anche il Benevento di Christian Bucchi, mentre il Palermo di Roberto Stellone ha vissuto una stagione di alti e bassi soprattutto per le vicende extra-campo. Fabio Grosso, invece, si è trovato a gestire una piazza complicata come quella di Verona. Buona la prima per Alessandro Nesta, che ha ricostruito il Perugia portandolo a ridosso dei playoff. Per molti di loro il destino potrà riservare il grande salto in massima serie, con le squadre della Serie A che già li seguono con grande interesse.

Calciomercato Serie B, da Liverani a Corini: la Serie A mette gli occhi sui talenti di B

Fabio Liverani è forse il tecnico più apprezzato del campionato di Serie B, per il gioco dimostrato dal Lecce ma anche per la personalità dei giallorossi. Il futuro del tecnico classe ’76 sembrava destinato alla Serie A, sponda Fiorentina, ma l’addio anticipato di Pioli e l’arrivo di Montella con un contratto fino al 2021 ha cambiato le carte in tavola. I viola erano fortemente interessati all’ex Genoa, che ora ha in testa il solo obiettivo di giocare in massima serie con il Lecce. Se i giallorossi centreranno la promozione il matrimonio continuerebbe, altrimenti squadre come Parma e Sassuolo sono già in agguato. Situazione simile quella di Eugenio Corini, che però viaggia spedito verso la promozione: in caso di catastrofi dell’ultimo momento nel progetto ambizioso di Cellino resterebbe la priorità di trattenere l’ex centrocampista. Che però ha gli occhi dell’Udinese come del Pescara, che non è certo di confermare Pillon. Gli abruzzesi osservano anche Bucchi, che è più indietro in questo tipo di gerarchie rispetto ai colleghi e per la Serie A potrebbe dover ancora aspettare, a meno che non trionfi nei playoff.

Leggi anche —-> Calciomercato Serie B, Brescia e Lecce verso la promozione: due piazze prestigiose in cerca di big

Calciomercato Serie B, Stellone legato a Palermo. Tante piste per Grosso

Stellone, invece, dopo aver fatto intravedere buone cose a Frosinone, ad ora sembra destinato a rimanere sulla panchina del Palermo, a prescindere dalla categoria in cui giocheranno il prossimo anno i rosanero. La York Capital, se si dovesse davvero chiudere l’accordo per il passaggio di proprietà, potrebbero confermare l’ex bomber. Infine Fabio Grosso e Alessandro Nesta: il primo resta forse il tecnico più apprezzato del campionato cadetto dopo Liverani, perché ha avuto la forza di resistere a un periodo nerissimo col Verona in un ambiente molto complicato. Se non ci saranno segnali importanti dalla dirigenza gialloblù a livello di progetto, l’ex Juve potrebbe tentare una nuova avventura, magari in un club retrocesso come il Chievo, passando dall’altra parte di Verona. Altrimenti potrebbe raccogliere l’eredità di Andreazzoli per aprire un nuovo ciclo all’Empoli. Per Nesta, invece, si prospetta il salto in una formazione che lotti per la promozione diretta, dal momento che il tecnico romano ha ancora bisogno di fare esperienza per misurarsi a certi livelli.

F.I.