Calcioscommesse Grosseto, comunicato del Presidente Camilli sul caso-Joelson

Piero Camilli

 

Il Presidente del Grosseto Piero Camilli ha diramato un comunicato sul sito ufficiale della società per rispondere alle accuse che gli ha fatto l’ex calciatore dei maremmani Joelson, il quale ha dichiarato che lo stesso Presidente Camilli era d’accordo alla combine relativa a Ancona-Grosseto della stagione 2009/2010. Ecco il comunicato:

”Il Sig. Piero Camilli apprende con viva indignazione e sconcerto il contenuto delle dichiarazioni rilasciate dal Sig. Inàcio Josè Joelson innanzi all’Autorità Giudiziaria di Cremona, relative alla gara Ancona-Grosseto del 30/04/2010. Le stesse, oltre ad essere intervenute, per la prima volta, dopo numerosi interrogatori resi dal Sig. Joelson, nel corso dei quali mai il calciatore aveva citato il Presidente dell’U.S. Grosseto, risultano, per quanto attiene alla persona dell’esponente, completamente false, smentite dai diretti interessati chiamati in causa dal calciatore, nonchè profondamente calunniose e diffamatorie.

Mai il sottoscritto è stato, in oltre trent’anni di attività in seno alla F.I.G.C., nemmeno sfiorato dal sospetto di essere coinvolto, a qualsivoglia titolo, in illeciti sportivi, avendo, peraltro, denunciato, in ripetute occasione ed in tempi non sospetti, prima dell’inizio della stagione 2009/2010, tanto alla Procura Federale quanto alla Procura della Repubblica competente, ipotesi di frode nelle competizioni calcistiche del Campionato di Serie B, contribuendo in maniera significativa all’apertura dei relativi procedimenti innanzi alla giustizia sportiva e penale.

Conseguentemente, alla luce del comportamento gravemente lesivo posto in essere dal Sig. Inàcio Josè Joelson, il Sig. Camilli adotterà, senza indugio, ogni opportuna azione, in sede penale e civile, anche ai fini risarcitori, a tutela della propria immagine di dirigente sportivo, imprenditore e politico di specchiata integrità e moralità”.

di Marco Orrù

Notizie Correlate

Commenta