Calciomercato, clamoroso Brescia | Addio Cellino: spuntano tre nomi

cellino brescia
Brescia, Cellino (Getty Images)

Caos in casa Brescia dopo la sconfitta nel derby. Spunta la clamorosa indiscrezione: addio Cellino, tre candidati per la sostituzione

Si mette male per il Brescia, uscito sconfitto dal derby contro la Cremonese. La doppietta di Ciofani, in rimonta dopo il gol di Ayè, ha steso il club allenato da Pep Clotet e ora la situazione in casa delle rondinelle si fa bollente. Sul banco degli imputati, dopo 4 allenatori cambiati in poco più di venti partite, c’è Massimo Cellino, presidente del club. La situazione in classifica si fa critica, con i biancazzurri al quindicesimo posto che temono addirittura di essere risucchiati nella lotta per la salvezza. Il malumore regna e, secondo quanto riferito da Tuttosport, spuntano già possibili piste per la cessione del club ad un nuovo investitore.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, zero offerte in A | Possibile futuro in Serie B

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, Pirlo al Crotone | Il retroscena di Ursino

Brescia, anche Ghirardi per il post-Cellino

Insomma, Cellino è ritenuto il primo responsabile della situazione caotica che il Brescia sta vivendo. Sarebbero tre le possibili piste per la sostituzione al vertice. Tra questi Giuseppe Pasini, attuale presidente della Feralpisaò. Ma occhio anche a Tommaso Ghirardi, ex presidente del Parma. Lasciò i crociati poco prima del fallimento nel 2014 e pare abbia una gran voglia di tornare nel mondo del calcio: avrebbe già sondato il terreno incontrando alcuni ultras bresciani. Il terzo possibile acquirente del club, invece, proverrebbe dall’Australia ed avrebbe come obiettivo primario la ristrutturazione dello Stadio Rigamonti.

Per tutte le ultime notizie di giornata CLICCA QUI!

Ghireli cessionebrescia cellino
Tommaso Ghirardi (Getty Images)

Per il Brescia avanza dunque l’ipotesi di un cambio al vertice, con la cessione del club da parte di Massimo Cellino ad un nuovo presidente. Le prossime potrebbero essere settimane calde per il club lombardo, che intanto dovrà provare ad uscire dal momento di crisi e ad allontanare la zona critica di classifica.