Football Under, da Jones a D’Agostino: i consigli per gli acquisti

Da Curtis Jones, che illumina Budapest nella notte di Champions del suo Liverpool, ai giovani del Napoli convocati da Gattuso vista l’emergenza per le tante assenze, si sviluppa così il viaggio di Football Under alla scoperta di giovani talenti

Curtis Jones porta palla
Curtis Jones (Getty Images)

A vent’anni non è facile arrivare a metà febbraio a ventisette presenze stagionali con il Liverpool, Curtis Jones lo sta facendo anche in maniera brillante. Vanta 3 gol e 4 assist, l’ultimo a Budapest nella gara d’andata degli ottavi di finale di Champions League contro il Lipsia.

Il viaggio di Seriebnews.com attraversa i ragazzi del Napoli a cui Gattuso sta per dare fiducia vista l’emergenza ma anche le tracce del Barcellona del futuro e qualche talento in giro per il mondo.

Da Jones a Mingueza, gli appunti dall’estero

1. Curtis Jones del Liverpool è l’uomo-copertina, ormai è entrato pienamente nelle idee di Klopp, nel suo gioco ci sono fluidità nella circolazione del pallone e anche intuizioni tecniche d’alto livello, come l’assist per il gol di Salah contro il Lipsia, reso possibile anche dalla scelta di tempo errata di Mukiele.

2. Mentre in Italia spesso il ragazzo del ‘2001 viene considerato una giovane promessa, all’estero trovano spazio anche i talenti classe 2004. È il caso di Uros Kabic, esterno offensivo del Vojvodina che il 30 ottobre scorso ha debuttato in prima squadra. Ama partire da destra e venire dentro al campo a piede invertito, è abile nell’uno contro uno, sa andare in progressione a campo aperto.

3. Non ha ancora debuttato in prima squadra ma è un talento da seguire con grande attenzione. Parliamo di Yad Lochereau, attaccante classe 2004 del Lione che può giocare sia da punta centrale che da esterno offensivo. Ha buone qualità tecniche, è elegante nelle movenze, efficace nel dribbling, sa svariare su tutto il fronte dell’attacco ma allo stesso tempo essere incisivo sotto porta.

LEGGI ANCHE >>> Chi è Aldo Banse, gioiellino per l’attacco made in Pordenone

4. John Joe Patrick Finn, attaccante spagnolo di origini irlandese e camerunensi, compirà 18 anni soltanto il prossimo 24 ottobre ma già vanta otto presenze in prima squadra con la maglia del Getafe. Attaccante forte fisicamente, si tratta del più giovane esordiente nella storia del club spagnolo. Si tratta di un giocatore versatile che può ricoprire tutti i ruoli dell’attacco.

5. Il Barcellona è a fine ciclo, il 4-1 subito al Camp Nou contro il Paris Saint Germain è un’altra prova. La squadra di Koeman non brilla neanche in Liga, è ad otto punti dall’Atletico Madrid capolista, che ha anche una partita in meno. Le speranze catalane sono nei giovani, come il difensore centrale, adattabile anche da terzino destro o sinistro, classe ’99 Oscar Mingueza che vanta 23 presenze in prima squadra e 2 assist in questa stagione.

Primavera Napoli
Primavera Napoli (Getty Images)

Dai giovani del Napoli alle promesse del Cagliari, viaggio nei talenti italiani

6. Il Napoli è in emergenza, Gattuso per la trasferta di Granada deve rinunciare a nove uomini. Nelle difficoltà, si da fiducia a sei ragazzi del vivaio, il più giovane è Giuseppe D’Agostino, esterno offensivo classe 2003 di grandi qualità in prospettiva. Ha gamba, buone qualità tecniche, sa essere incisivo sotto porta, ha segnato tre gol in sei presenze nella Primavera del Napoli.

7. Dovrebbe giocare nell’Under 17 essendo un classe ‘2004 ma ha già portato a casa due spezzoni in Primavera e qualche allenamento in prima squadra. Parliamo del centravanti Antonio Pesce che, pur avendo un’imponente struttura fisica, ha discrete qualità tecniche e spiccate capacità nella coordinazione.

8. Viste le assenze di Manolas, Koulibaly, Ghoulam e Hysaj, Gattuso ha dato spazio anche ad un difensore della Primavera: Davide Costanzo. Si tratta di un centrale più abituato a giocare a tre che a quattro, discreto in fase d’impostazione, molto abile a lavorare sull’uomo.

LEGGI ANCHE >>> Chi è Rachid Kouda, il centrocampista del Cagliari col vizio del gol

9. Il Cagliari anche sta costruendo un buon vivaio, con tanti ragazzi interessanti. Uno di questi è Michele Masala, attaccante classe ‘2004 che vanta già quindici presenze in Primavera sotto età con tre assist all’attivo nel campionato in corso. Masala si è messo in mostra nella scorsa stagione nell’Under 17, quando ha realizzato sei reti.

10. Pescare nelle categorie inferiori è un’importante attività di scouting che tutti i club dovrebbero realizzare con maggiore frequenza. Il Cagliari l’ha fatto con Rachid Kouda, attaccante classe ‘2002 originario del Burkina Faso ma scoperto nelle fila della Folgore Caratese in serie D.