Ascoli, caos societario | Le rivelazioni di Pulcinelli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:44
Ascoli Pulcinelli
Stadio Del Duca, tifosi Ascoli (Getty Images)

Le recenti tensioni in casa Ascoli hanno provocato un gran parlare mediatico. Il presidente Pulcinelli è tornato sulle dimissioni di Ciccioianni e Tosti

Hanno fatto un gran rumore le recenti dimissioni dei due dirigenti dell’Ascoli Gianluca Ciccioianni e Giuliano Tosti. In casa bianconera il clima non è dei più sereni ed il club ha smentito ieri con fermezza alcune indiscrezioni in merito all’ultima assemblea dei soci. A parlare al Corriere Adriatico è stato anche Massimo Pulcinelli, presidente del club che ha voluto specificare a proposito dei due dimissionari: “Nessuno li ha cacciati, sono loro che hanno dato le dimissioni. Forse davanti all’esigenza di metter soldi hanno deciso di sottrarsi”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, il nuovo James in Serie B | Juventus e Milan ci provano

LEGGI ANCHE >>> Serie B a 40 squadre, il ds: “Poco praticabile, e la Serie C non fallirà…”

Ascoli, Pulcinelli: “Già finanziati altri milioni in bilancio”

Poi ancora ha aggiunto: “Sono arrivato ad Ascoli attraverso Tosti, adesso mi sento pugnalato alle spalle”. In merito alle ultime polemiche, smentite già da una nota ufficiale del club, ha voluto chiarire ulteriormente i fatti: “Non ho partecipato al Cda del 24 aprile e ad altre riunioni del Consiglio perchè inibito dal mio ruolo di socio e non di consigliere, non ho mai reso dichiarazioni sul passivo dell’Ascoli calcio”. Infine ha annunciato: “Posso dire che il progetto va avanti, il socio di maggioranza Ferinvest Italia continuerà a fare la sua parte ed ha già finanziato l’Ascoli per milioni di euro, tutti apposti regolarmente a bilancio.”

Per essere aggiornato su tutte le ultime notizie sulla Serie B CLICCA QUI!

Pulcinelli Ascoli
Serie B

Insomma, la strada dell’Ascoli non si ferma di fronte agli ultimi ostacoli ed è il presidente stesso Pulcinelli a garantirlo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Calciomercato, l’affare salta (per ora) | Ecco il motivo

Germania | Bufera in casa Amburgo: mental coach nel mirino!