La Cremonese presenta il nuovo tecnico Marco Baroni: “Bisogna lavorare duro per puntare in alto”. Spiegate poi le ragioni dell’esonero di Massimo Rastelli.

Cremonese Baroni
Marco Baroni (Getty Images)

Marco Baroni è il nuovo allenatore della Cremonese. Il tecnico toscano è stato ufficializzato ieri, dopo che il club grigiorosso aveva annunciato l’esonero di Massimo Rastelli. Oggi il nuovo allenatore dei lombardi è stato presentato alla stampa. Ad introdurlo il presidente Paolo Rossi e il direttore sportivo Nereo Bonato, che hanno spiegato le ragioni del cambio di allenatore.

Cremonese, Baroni motivato

“Cremona per me è una grande opportunità. Ho ritrovato una realtà solida, organizzata che ha saputo costruire qualcosa di importante. Conosco bene la Serie B: qui ho maturato esperienze fondamentali e sono sempre riuscito a migliorare”. Così si è presentato il nuovo tecnico dei grigiorossi. Baroni però non fa proclami: “Al dire preferisco il fare. E noi dovremo fare, lavorare insieme con umiltà e sacrificio per guardare in alto. Questa è una rosa di qualità, ma non basta ad ottenere risultati. Dovremo abbinare mentalità di squadra e una filosofia di gioco”. Sul modulo: “L’organico è costruito per il 3-5-2, ma ci sono giocatori che per attitudine possono consentire un cambio di sistema”.

Per tutte le notizie sulla Serie B CLICCA QUI!

Rossi e Bonato si sono invece soffermati sull’esonero di Rastelli: “La scelta di esonerare Rastelli – ha commentato Rossi – è stata sofferta, ma ben ponderata”. Bonato l’ha invece definita “Una decisione razionale che va oltre i risultati e le prestazioni e che è stata determinata dalla capacità di leggere situazioni. Anche quest’ultima va valutata come un fattore di crescita. Baroni, per qualità ed esperienza, è il tecnico adatto alle nostre ambizioni e a quelle della piazza: ha le giuste motivazioni”.

A.G.