Pordenone-Spezia, Tesser: “Abbiamo rischiato poco, questa vittoria ci dà fiducia”

Pordenone-Spezia, Tesser contento della prestazione dei suoi neroverdi e nel post-partita assicura: “Siamo felici, questa vittoria ci dà fiducia e smuove la classifica”

Calciomercato Pordenone Germinale
Attilio Tesser, tecnico del Pordenone @ Getty Images

Una vittoria che lancia in classifica la neo-promossa Pordenone, quella maturata ieri alla Dacia Arena di Udine, contro lo Spezia di Vincenzo Italiano. La rete decisiva di Barison (la seconda in tre giornate), fa sì che i ramarri archivino la pratica ligure per 1-0. Una partita non bellissima, ma che ha confermato un dato: altro che vittima sacrificale, il Pordenone è pronto ad interpretare la prima storica stagione in Serie B come una potenziale protagonista. Certo, ci sono squadre più forti e attrezzate, ma i neroverdi non vogliono nascondersi troppo e come rivelato dal loro tecnico Attilio Tesser la fiducia è davvero tanta: “Lo Spezia era un avversario insidioso, abbiamo sofferto all’avvio – spiega l’allenatore in conferenza stampa – Eppure alla fine siamo riusciti a cavarcela, portando a casa una vittoria che ci dà tantissima fiducia”.

Per tutte le notizie di giornata e di mercato CLICCA QUI!

Pordenone-Spezia, Tesser: “Barison tra i migliori, bravo anche Camporese”

D’altronde, la prova del Pordenone contro lo Spezia non sarà stato certamente spettacolare, ma ha confermato la grande organizzazione e la grande compattezza della formazione friulana. “Siamo stati bravissimi nel difenderci – continua Tesser – soprattutto contro una squadra con un grande potenziale offensivo. Abbiamo concesso e rischiato poco, sono contento, anche se potevamo capitalizzare meglio alcune ripartenze“. Un plauso, quindi, il tecnico neroverde lo fa ai suoi centrali, che ancora una volta hanno dimostrato come i ramarri siano tutt’altro che una squadra facile da penetrare: “Sono soddisfatto della prova fatta di Barison e Camporese. Alberto non ha solo segnato, ma è stato bravissimo anche in difesa. Ed è stato bravo anche Michele, che veniva da un lungo stop per infortunio”.

A.M.