Ascoli, Simone Padoin si presenta in conferenza stampa e si dice carico per questa nuova esperienza in Serie B: “Ho passato una brutta estate, ma ora sono di lavorare con Zanetti”

Frosinone Padoin
Simone Padoin (Getty Images)

Era svincolato, adesso è un nuovo calciatore dell’AscoliSimone Padoin è pronto per una un’altra, l’ennesima avventura della propria carriera. Dopo una vita ad alti livelli, tra Atalanta, Juventus e Cagliari, il talismano tuttofare è tornato in Serie B per gli ultimi atti della propria carriera: Ascoli rappresenta la piazza giusta per me – spiega il calciatore – Sono carico e non vedo l’ora di cominciare. Ho tanti stimoli, anche a quest’età. Spero di regalare bei momenti ai tifosi”. Insomma, lo spirito e l’entusiasmo è quello di un ragazzino, anche se Padoin ammette di non aver trascorso una bella estate: “Sono stati mesi difficili, ho passato un periodo difficile. Quando le squadre hanno iniziato a riunirsi, io ero ancora lì, che aspettavo la telefonata di qualche club. Ringrazio l’Ascoli per avermi dato questa chance”.

Per tutte le notizie sulla Serie B CLICCA QUI!

Ascoli, Padoin: “Sono una mezzala, ma gioco ovunque. In campo con il Livorno? Deciderà il mister”

E la carica e la voglia di Simone Padoin è tale che potrebbe trovare spazio già contro il Livorno, prossimo avversario dell’Ascoli“Durante l’estate ho lavorato molto, ma trovare la giusta condizione atletica è complicato, soprattutto quando ci si allena da solo. In campo già alla prossima? Mi manca un po’ di confidenza con la palla, con le misure e i ritmi di gioco. Vedremo, sarà il mister a decidere”. Una patata bollente prontamente passata nelle mani di Paolo Zanetti, allenatore dei bianconeri e che conosce molto bene Padoin, come confermato dallo stesso calciatore: “Sono molto felice di lavorare con lui. E’ più grande di me di soli due anni, ci scherziamo molto su questa cosa. Ho giocato con lui ai tempi dell’Atalanta e sono contento di ritrovare una brava persona come lui. Che allenatore è? Ha idee valide, è bravo nel trasmetterle alla squadra”.

A.M.