Vincenzo Millico (Getty Images)

Un nuovo talento sta crescendo nelle fila del Torino, è Vincenzo Millico: il classe 2000 che tra un’infanzia difficile e le rabone ha conquistato il toro

I giocatori classe 2000, detti anche millennials, stanno crescendo e si mettono in mostra, cominciando ad attirare le attenzioni di molti. Uno di questi è Vincenzo Millico, giovane attaccante che sta crescendo nelle fila del Torino. La scorsa stagione si è messo in luce nel campionato primavera, e dopo l’esordio contro l’Atalanta in Serie A, ora si allena regolarmente con la rosa dei grandi. Un millennial molto promettente tutto da scoprire.

Per tutte le notizie più importanti della giornata CLICCA QUI!

Alla scoperta di Millico: il millenial che incrociò il suo destino con Kean

Vincenzo Millico nasce a Torino il 12 Agosto del 2000, la sua infanzia è caratterizzata dalla mancanza del padre, che non vede quasi mai. Per un giovane attaccante i suoi padri sono stati i mister. Sin dall’età di otto anni comincia a giocare nelle giovanili della Juventus, dove rimarrà fino ai 14. Il suo destino si incrocia con quello di un altro classe 2000 molto promettente del calcio italiano, Moise Kean. Nell’estate in cui Millico passa dalla Juventus al Torino, Kean fa il percorso inverso approdando il binconero. Il primo era considerato ancora poco maturo per i grandi, ma il duro lavoro lo ha portato a dimostrare il contrario. La scorsa stagione è riuscito a far parlare molto di lui grazie all’ottima stagione disputata nel campionato primavera, in cui ha messo a segno 24 gol in 17 partite. Riesce cosi ad approdare in prima squadra e ad esordire contro l’Atalanta, ora si allena costantemente con la prima squadra.

Leggi anche –> Tòfol Montiel, un talentino millennials nella Fiorentina: scopriamo chi è

La sua carriera inizia come esterno, infatti una delle sue migliori qualità è la velocità. In seguito si è spostato al centro dell’attacco. Il giovane Vincenzo è dotato anche di grande tecnica, infatti durante gli allenamenti in primavera si metteva sempre al centro del campo con il pallone per cercare di colpire la traversa di rabona, e ci riusciva sempre. Adesso alcune squadre di Serie B stanno sondando il terreno per prenderlo in prestito. Questo attaccante è sicuramente un altro dei classe 2000 da tenere d’occhio in prospettiva, anche azzurra.

M.D.