La Fiorentina ha un altro baby promettente in casa, Tofòl Montiel convince Montella dopo l’ottimo esordio in Coppa Italia: ecco chi è il talentino viola

La Fiorentina in questo inizio di stagione sta scoprendo un altro baby talento nella propria rosa, Tòfol Montiel. Il ragazzino classe 2000 sta facendo innamorare i tifosi della Fiorentina e non solo. Il giovane trequartista spagnolo dopo l’ottima prova in amichevole con il Galatasaray ed il buon esordio in Coppa Italia contro il Monza, ha convinto Montella a tenerlo a Firenze. Dopo l’ipotesi di una stagione in primavera e l’ipotesi prestito, adesso per lui sembrerebbe vicina la permanenza tra i grandi in prima squadra, in cui si giocherebbe un posto con Sottil. Scopriamo chi è il giovane talento strappato dalla viola al Real Madrid.

Per tutte le notizie più importanti della giornata CLICCA QUI!

Fiorentina, scopriamo Tòfol Montiel: biografia, carriera e caratteristiche del talentino spagnolo

Tòfol Montiel nasce a Palma di Maiorca l’11 Aprile del 2000, dunque un talento millennials in casa viola. Sulla sua carriera non c’è moltissimo da dire, vista la sua giovanissima età. Calcisticamente è cresciuto nelle giovanili del Maiorca, dove ha cominciato a giocare all’età di otto anni. Nell’ultimo campionato primavera giocato con la maglia del club maiorchino ha segnato 11 reti ed ha ottenuto la convocazione nella nazionale spagnola under 18. Il suo agente è Fali Ramadani, stesso di Miralem Pjanic, che lo ha fortemente voluto portare a Firenze. Il club viola è riuscito ad assicurarsi sborsando ben 2 milioni per il giovane talento, superando la forte  concorrenza del Real Madrid, dove avrebbe potuto seguire le orme di Asensio.

Leggi anche –> Fiorentina, Sottil: ecco il gioiellino di Montella

Nel club viola si mette subito in mostra durante le amichevoli estive precampionato, ed il 31 Marzo 2019 fa il suo esordio in Serie A con la maglia viola, mandato in campo da Stefano Pioli nel pareggio per 1-1 contro il Torino. Durante le amichevoli estive per preparare la stagione appena iniziata, lo spagnolo si è messo in mostra con un’ottima prestazione contro il Galatasaray, ed ha fornito una buona prestazione entrando a gara in corso in Coppa Italia. Le sue caratteristiche principali sono sicuramente la velocità e la tecnica, ha un mancino estremamente educato con il quale calcia anche ottime punizioni. Il suo limite purtroppo è il fisico gracilino, forse troppo per la nostra Serie A. Ricordiamoci che è un ragazzo del 2000, quindi ha ancora tanto margine per crescere. Le aspettative sono alte su di lui, sicuramente è un giovane da tenere sotto la lente d’ingrandimento per il futuro.

M.D.