Gli stravolgimenti della classifica di Serie B dopo la retrocessione del Palermo hanno favorito soprattutto il Venezia, che in questo modo sarebbe salvo senza dover disputare i playout. Ma Bocalon non abbassa l’attenzione

Venezia (Getty Images)

L’ultimo posto in classifica, con conseguente retrocessione in Serie C, assegnato al Palermo dalla decisione del TFN ha stravolto la classifica della Serie B. A gioire sono state soprattutto Perugia (che andrebbe al playoff), Venezia e Salernitana che sarebbero salve senza bisogno di disputare il playout. Da definire c’è ancora la situazione relativa al Foggia e alla penalizzazione di 6 punti, oltre alla sentenza dopo il ricorso del Palermo.

Per le ultimissime sul campionato cadetto CLICCA QUI!

La situazione non è ancora chiara, mentre venerdì avranno comunque inizio i playoff, con il turno preliminare. A tremare è soprattutto la Salernitana, che in caso di esito positivo per il Foggia retrocederebbe in Serie C al suo posto. Il Venezia, invece, a seconda di tutti i verdetti definitivi ancora attesi, potrebbe giocare o meno il playout per restare in Serie B.

Leggi anche —–> Serie B, Gravina sui Playout: “Non è competenza della Lega B”

Non c’è ancora nulla di certo e lo sa benissimo anche Riccardo Bocalon. L’attaccante del Venezia ha parlato ai microfoni di Trivenetogoal.it tenendo alta la concentrazione: “Ad oggi non siamo salvi, perché non c’è una sentenza definitiva e noi ci dobbiamo preparare a disputare gli spareggi. Dispiace davvero per i tifosi di Foggia e Palermo, che pagano gli errori di chi ha permesso l’iscrizione di una squadra gravata da debiti pesantissimi. A questo punto il nostro destino non dipende più da noi. Noi dobbiamo preparare i playout come se si giocassero e io mentalmente sono preparato a giocare, perché siamo professionisti. Dobbiamo salvare il Venezia, manca un ultimo passo e lo dobbiamo compiere. Il nostro obiettivo è la salvezza, è inutile sbilanciarsi e poi rimanerci male. Dobbiamo dire prima di tutto a noi stessi che non siamo ancora salvi”.

F.I.