Calciomercato Perugia, Nesta riflette sul futuro: dal rinnovo con gli umbri al sogno Lazio

Nesta Top 11 Perugia Calciomercato Lazio
Nesta (Getty Images)

Il contratto con il Perugia di Nesta scadrà nel 2019. L’allenatore potrebbe decidere di provare a guidare un club in Serie A

Il Perugia sta disputando un’ottima stagione. La squadra umbra infatti è attualmente al settimo posto in campionato e in piena zona playoff. La partecipazioni alle fasi finali del campionato cadetto potrebbe anche permettere al club di tornare a varcare i campi della Serie A. Il merito di aver dato speranze e soddisfazioni alla città e alla dirigenza è anche del tecnico Alessandro Nesta.

Sul destino del proprio allenatore, in scadenza nel 2019, si è pronunciato ieri il numero uno del club perugino, Massimiliano Santopadre: “Molto dipenderà da lui e dalle sue scelte. Se vorrà rinnovare – ha dichiarato a ‘Tef Channel’ – noi saremo contenti. La squadra può fare un grande finale di stagione. Pur avendo un allenatore che ha fatto della mentalità la sua forza, la rosa deve ancora crescere mentalmente”.

Per tutte le notizie di mercato CLICCA QUI!

Calciomercato Perugia, Nesta ancora non rinnova e sogna la A: i possibili scenari

Il futuro di Alessandro Nesta potrebbe però essere in Serie A il prossimo anno. Il tecnico romano infatti potrebbe rimanere in sella al Perugia in caso di promozione nel massimo campionato, mediante i playoff. In caso contrario l’ex difensore potrebbe anche accarezzare l’idea di cambiare avventura, sedendosi su una panchina di una neopromossa. In quest’ottica potrebbero scaldarsi le piste verso Verona e Benevento, entrambe squadre in lotta per la Serie A che potrebbero cambiare guida tecnica.

Altre opportunità che potrebbero materializzarsi sono quelle di Sassuolo, SPAL e Parma. Nel caso in cui avvenissero dei cambiamenti di guida tecnica in seno a questi club, Nesta potrebbe seriamente candidarsi per un’eventuale sostituzione.

Uno dei sogni del tecnico romano sarebbe quello di una possibile guida della Lazio, club in cui è cresciuto e si è affermato calcisticamente, divenendone infine una bandiera. Questa situazione però rimane decisamente complicata per una serie di ragioni: prima fra tutte quella della possibilità che il club biancoceleste possa partecipare alla prossima Champions League. In quest’ottica appare decisamente difficile che Lotito possa affidare il cammino europeo della squadra a un tecnico ancora troppo poco esperto.

S.D.