Palermo, Stellone: “Noi di un’altra categoria. E ora siamo uniti più che mai”

Palermo, Stellone: “Serie A a tutti i costi, dipende solo da noi”

Stellone Palermo
Stellone Instagram Palermo

L’allenatore del Palermo Roberto Stellone ha parlato a tutto tondo del momento dei club rosanero, con l’unico obiettivo in testa della promozione in Serie A

Per il Palermo è arrivato il momento di tornare a pensare solo al campo. Dopo le vicende societarie, comunque ancora irrisolte, e la penalizzazione scongiurata, i rosanero devono essere bravi a fare scudo per concentrarsi sull’obiettivo stagionale. Il tecnico dei siciliani Roberto Stellone ha raccontato il momento della sua squadra in un’intervista a Dazn: “I problemi societari ci sono dall’inizio dell’anno. La situazione non ha aiutato ma i ragazzi sono stati bravi a isolarsi mettendo da parte questo caos nel momento della partita. Da un paio di settimane siamo più uniti del solito per centrare l’obiettivo della Serie A”. In testa c’è solo la promozione: “Ci vogliamo andare a tutti i costi, la città lo merita, ci sono giocatori di un’altra categoria. L’anno scorso non ci siamo riusciti, la finale di ritorno è stata una partita strana, all’andata meritavamo di più. Vogliamo prenderci quello che ci è sfuggito. Dipende solo da noi”.

Tutte le notizie sul campionato cadetto: CLICCA QUI!

Palermo, Stellone: “Con lo staff viviamo tutti in una casa. Qui sto da Dio”

Stellone non molla. L’allenatore del Palermo, oltre a lottare di nuovo per la promozione in Serie A, sogna anche di restare a lungo in rosanero: “Stare qui mi piace, c’è sempre il sole, si mangia bene. Poi noi dello staff quest’anno abbiamo deciso di non portare le nostre famiglie, quindi siamo davvero concentrati sul lavoro. Abbiamo deciso di vivere tutti insieme in una grande casa, dove abbiamo sei camere e sei bagni ed un grande salone dove possiamo anche portare il lavoro del campo a casa”. Sui tifosi: “Col Brescia per la prima volta abbiamo giocato in casa. Spero che da qui alla fine ci sia la stessa affluenza, lo stadio pieno ci spinge a dare il massimo”.