Verona, Setti: “Pronto a lasciare ma servono 70 milioni”

Maurizio Setti
Maurizio Setti ©Getty Images

Il patron dell’Hellas Verona, in piena lotta per la promozione, parla degli obiettivi stagionali e si dice disposto a cedere la società in presenza di una determinata offerta

L’Hellas Verona è atteso da una partita fondamentale in ottica playoff: questa sera i gialloblà faranno visita allo Spezia in quello che sarà un vero e proprio scontro diretto. In un periodo particolare a livello di cambi di proprietà (vedi Palermo), il patron scaligero Maurizio Setti è tornato sull’argomento anche in ottica Verona: “Io vengo dalla strada. Non sono un finanziere, non mi piace apparire. Io sono sempre al fianco della squadra, anche se non posso esserci sempre fisicamente – ha detto in conferenza stampa -. Chi vuol venire a darmi una mano in società è sempre ben voluto. Non ho problemi anche a lasciare il posto per uno che crede di poter fare calcio meglio di me. L’Hellas quanto vale? 70 milioni“.

Per tutte le notizie di mercato CLICCA QUI!

Verona, Setti: “Obiettivo Serie A, Grosso sotto osservazione”

Maurizio Setti ha parlato anche della stagione dell’Hellas Verona, degli obiettivi e della contestazione: “Sono venuto a parlare alla squadra a Peschiera con un discorso molto spontaneo e umano. Ho detto ai giocatori che sono stati scelti per la A, che è il nostro obiettivo e noi crediamo in loro. Non mi interessa parlare della contestazione, giustamente la devo accettare”. Poi sul futuro di Fabio Grosso: “Se rischia la panchina? Non possiamo commettere gli stessi errori dell’anno scorso, ma l’allenatore non è in discussione: è sotto osservazione. Vincere il campionato con i giovani sarebbe una grande soddisfazione”.