reddito di cittadinanza Luigi Di Maio (Getty Images)

Il ministro del Lavoro spiega a Porta a Porta come funzionerà il reddito di cittadinanza, e introduce la figura del “navigator”

La misura relativa al reddito di cittadinanza presenta alcune novità. Secondo una bozza della proposta infatti, il percorso non prevede solo le persone in cerca di occupazione e i centri per l’impiego, ma anche le imprese, gli enti di formazione e le agenzie per il lavoro. Dalle ultime dichiarazioni risultano più chiari anche le tempistiche della misura pentastellata. Un ciclo del reddito di cittadinanza durerà 18 mesi, e i richiedenti avranno le credenziali per l’identità digitale gia a partire da marzo. Quest’ultima servirà, insieme all’attestazione della condizione reddituale, a fare la domanda per ottenere il reddito di cittadinanza. Infine ad Aprile arriveranno le carte elettroniche per erogare gli importi.

Reddito di cittadinanza: aziende ed enti di formazione

Quando l’azienda assume il benificiario, all’impresa passa l’intero importo del reddito di cittadinanza, per una durata minima di cinque mesi o per i mesi rimanenti alla fine del ciclo. Inoltre, se il benificiario usufruisce di un corso di formazione, oppure un’agenzia per il lavoro lo affianca durante l’iter, metà dell’importo passa all’azienda e l’altrà metà all’ente di formazione o all’agenzia per il lavoro. Nelle ultime dichiarazione del leader pentastellato, si parla anche di una nuova figura, quella del “navigator“. “Il Navigator – afferma Di Maio – fa parte del programma di assunzioni che faremo. Li selezioniamo con un colloquio per trovare altre persone con alto profilo per seguire i giovani che hanno perso il lavoro”. Per quanto riguarda la remunerazione di questa figura invece, il vicepremier chiarisce: “L’importante è che la persona che orienta il disoccupato venga pagato in base al numero delle persone orientate”.