PALERMO STELLONE MODULO / Da Tedino a Stellone, ci risiamo. Cambia nuovamente padrone la panchina del Palermo, con il tecnico romano richiamato da Zamparini dopo lo sfortunato epilogo della scorsa stagione con il rocambolesco ko nella doppia finale dei playoff contro il Frosinone. Stellone ha guidato oggi il suo primo allenamento a Boccadifalco e approfittando del turno di riposo dei rosanero cercherà in questi giorni di plasmare il Palermo secondo il proprio credo calcistico.

Nella scorsa stagione Stellone è partito con il 4-4-2 (lo schema a cui è più affezionato), per poi passare al 4-3-1-2 e infine al 3-4-1-2. Per far coesistere due trequartisti come Trajkovski e Falletti, il nuovo mister dei siciliani potrebbe puntare sul modulo a rombo con uno tra Nestorovski e Puscas a completare l’attacco. Viceversa, con la contemporanea presenza dei due centravanti, il numero dieci macedone potrebbe essere defilato a sinistra con Murawski sulla corsia opposta in un ipotetico 4-4-2, dove il sacrificato sarebbe l’ex Bologna. Tante varianti e una rosa ampia a disposizione di Stellone, che presto potrà contare anche sull’apporto di Rispoli e Chochev, finora ai box per infortunio in questo inizio di campionato.

Serie B Palermo esonero Tedino Stellone Verona Grosso quinta giornata Lecce
Roberto Stellone @Getty Images