Aluko lascia l’Italia per razzismo: “Controllata come un narcotrafficante”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:11

La giovane calciatrice Eni Aluko ha deciso di lasciare la Juventus e l’Italia in seguito a continui episodi di razzismo di cui è stata vittima.

Aluko lascia l'Italia per razzismo: "Controllata come un narcotrafficante"
aluko @ getty images

La giovane calciatrice Eni Aluko ha deciso di lasciare la Juventus e l’Italia in seguito a continui episodi di razzismo di cui è stata vittima. Una decisione non facile per lei che è sbarcata a Torino nell’estate del 2018 e che da quel momento in poi ha vissuto momenti felici in campo, ed altri sicuramente non positivi al di fuori del terreno di gioco. Si parla di razzismo, e non può che essere così dopo la denuncia al The Guardian dell’ex calciatore dei bianconeri.

Leggi anche —> SPECIALE CM.IT – CALCIO E RAZZISMO, ITALIA SOTTO ACCUSA: SANZIONI FANTASMA

Leggi anche —> SPECIALE CM.IT – CALCIO E RAZZISMO, I DATI DELLA VERGOGNA: ‘SORPRESA’ INGHILTERRA

Eni Aluko confessa: “In aeroporto trattata come una narcotrafficante”

Leggi anche —> Un video mette ancora nei guai Terry: ancora accuse di razzismo

Prima la precisazione in merito ai tifosi della Juventus affermando: “Con i tifosi nessun problema, ma la città è un paio di decenni indietro”. Poi l’affondo che fa male in particolar modo a chi in Italia da anni prova a combattere il razzismo: “All’aeroporto di Torino mi è capitato spesso e volentieri di essere trattata come Pablo Escobar per via dei cani anti-droga intorno a me”. Delle dichiarazioni che non possono sicuramente passare sotto traccia e che mettono in evidenza una situazione sicuramente critica dal punto di vista culturale.

Leggi anche —> Razzismo, da Balotelli a Dalbert: quanti casi in Italia

Aluko lascia l'Italia per razzismo: "Controllata come un narcotrafficante"
aluko @ getty images

Leggi anche —> RAZZISMO, SALVINI CONTRO BALOTELLI: “NON ABBIAMO BISOGNO DI FENOMENI”

Aluko e la denuncia: “Nei negozi il proprietario mi trattava come un ladro”

Leggi anche —> BULGARIA, POLEMICHE E RAZZISMO: SI DIMETTE ANCHE L’ALLENATORE

La calciatrice della Juventus ripercorre alcune delle tappe chiave che hanno portato alla sua decisione di lasciare i bianconeri: “Mi sono stancata di entrare nei negozi e avere la sensazione che il titolare si aspetti che rubi qualcosa”. Una situazione ritenuta inaccettabile che secondo Aluko si rifà ad un problema culturale italiano e della stessa Torino, arretrata da questo punto di vista è con una città che ha di conseguenza bisogno di un rapido cambiamento.

Aluko lascia l'Italia per razzismo: "Controllata come un narcotrafficante"
aluko @ getty images

Leggi anche –> OLANDA-ESTONIA, WIJNALDUM-DE JONG: UN GOL CONTRO IL RAZZISMO

G.S.