Serie B, quanti cambi in panchina: da Suazo a Zenga, il valzer degli esoneri

Serie B, da Suazo a Zenga: sedici cambi in panchina. Bucchi e Marino a rischio
Il presidente del Venezia, Joe Tacopina, e Walter Zenga

L’ultimo esonero, in ordine di tempo, è quello di Padalino a Foggia. E altri allenatori rischiano la panchina nelle prossime giornate di Serie B

Sedici cambi in panchina fin qui in Serie B che hanno riguardato 10 delle 19 squadre partecipanti al torneo cadetto. Si tratta di un vero e proprio primato che, però, in alcuni casi non ha prodotto gli effetti sperati. Da inizio stagione ecco tutti i ribaltoni: Corini al posto di Suazo a BresciaCastori per Chezzi a CarpiStellone al posto di Tedino a PalermoZenga per Vecchi a VeneziaOddo che prende il posto di Stroppa a CrotoneRastelli per Mandorlini a Cremona, Foscarini per Bisoli a Padova, Breda al posto di Cristiano Lucarelli a LivornoPadalino per Grassadonia a FoggiaGregucci che sostituisce Colantuono a Salerno, Stroppa e Bisoli di nuovo rispettivamente a Crotone e a Padova, Cosmi in sostituzione di Zenga a Venezia e il ritorno Grassadonia a Foggia al posto dell’esonerato Padalino. CLICCA QUI per tutti gli ultimi aggiornamenti.

Panchine Serie B, chi rischia ora? Marino e Bucchi nel mirino

Ma non è finita qui visto che potrebbero esserci altri ribaltoni da qui al termine della stagione. A rischiare maggiormente adesso è Pasquale Marino, che non vive un momento felicissimo alla guida dello Spezia: la compagine ligure ha perso quattro delle ultime cinque sfide di campionato e occupa la nona posizione in classifica, a quattro lunghezze dalla zona playoff. Attenzione, infine, anche alla panchina del Benevento: i giallorossi sono al momento sesti, ma la posizione del tecnico Cristian Bucchi sembra essere tornata in discussione dopo le due sconfitte di fila contro Livorno e Cremonese.