Venezia, Zenga: “Siamo stati penalizzati contro il Benevento. Posso andarmene anche domani”

Venezia Zenga
Zenga (Facebook Venezia)

Il tecnico del Venezia, Zenga, è intervenuto in conferenza stampa per parlare della sconfitta contro il Benevento e della prossima sfida contro il Lecce

La sconfitta per 3-0 contro il Benevento sta ancora tenendo banco in casa del Venezia. I lagunari hanno ottenuto solo due vittorie nelle ultime otto partite e sono scesi di diverse posizioni in classifica, arrivando al tredicesimo posto e vicino alla zona più calda del torneo. A dare una spiegazione sulla sconfitta contro i campani e sul momento della squadra ci ha pensato il tecnico Zenga in conferenza stampa: “Le partite sono tutte importanti. Ci siamo allenati bene in settimana e poi avremo il turno di riposo. Non sono d’accordo con le cose che sono state dette. Il Benevento non ha avuto occasioni. Chi dice che Vicario sia stato il migliore in campo sbaglia di brutto. La squadra è promossa. Ci sono alcuni che non vedono mai gli allenamenti e parlano dai loro uffici. Le scelte che faccio sono ponderate, mica me le invento. Il Benevento non ha creato nulla. Ci hanno penalizzato gli episodi: Bocalon ha sbagliato un’occasione incredibile. Perdere 1-0 o 3-0 non è la stessa cosa. Non siamo attrezzati per vincere il campionato”.

Per tutte le notizie di mercato CLICCA QUI!

Venezia, Zenga: “Forse Tacopina dovrebbe essere arrabbiato con me”

Segui ‘Seriebnews.com’ su Instagram —–> CLICCA QUI!

Il tecnico ha poi continuato la conferenza, mettendosi in discussione e parlando anche della prossima sfida contro il Lecce: “Evidentemente sono io che non sono capace. Il Lecce ha fatto più punti di tutti fuori casa. Se parlo di episodi sono solito venire accusato di lamentarmi. Questa è una cosa che accade soprattutto qui. Ho visto il presidente e non l’ho trovato arrabbiato. Magari Tacopina farebbe bene a essere arrabbiato con me. Magari si sarebbe aspettato qualcosa di più: questo fa parte del gioco e della vita. Posso anche andarmene domani, non è un problema. Ci sono molte cose che non si vedono se si resta in ufficio. I nuovi si stanno inserendo, Besea non ha avuto problemi a giocare. Lunedì forse farò giocare Fornasier, sostituto naturale di Domizzi. Penso che Mazan sia pronto. Ho 7 centrocampisti forti e bravi. Magari deciderò di giocare due partite con Suciu e Besea e due con Segre e Pinato. Rossi è un po’ sfortunato perché è già il secondo gol che gli annullano. Fa gol Bocalon e diventiamo degli eroi in dieci contro undici”.