Serie B, il punto sulla 18esima giornata di campionato: Oddo e Rastelli in bilico

Serie B giornata 18 Pazzini calciomercato
Pazzini @ Getty Images

Si è giocata la diciottesima giornata del campionato cadetto: volano Brescia e Palermo, tripletta per Pazzini. Continua la crisi di Crotone e Cremonese

Quello che si è disputato ieri sera è stato un turno di Serie B estremamente importante che potrebbe avere ripercussioni importanti già nelle prossime ore: il Crotone, infatti, si è arreso in casa allo Spezia rimediando così la quarta sconfitta nelle ultime cinque partite e adesso il tecnico Massimo Oddo è vicinissimo all’esonero. In vetta, invece, il Palermo strapazza l’Ascoli e si conferma primo, mentre Brescia e Verona superano rispettivamente Cremonese e Cittadella mantenendo la scia dei rosanero. Importantissimo anche il successo del Pescara di misura contro il Venezia, mentre il Benevento si impone sul campo del Padova e sale al sesto posto in classifica. Cosenza e Salernitana non si fanno male (0-0), al contrario di Foggia e Padova che adesso occupano gli ultimi due posti della graduatoria generale dopo le sconfitte contro Perugia e Benevento. Un grandissimo spettacolo, che potrebbe avere un seguito anche nella sessione invernale di calciomercato.

Calciomercato Serie B, attaccanti in rampa di lancio: i colpi di gennaio

Il Palermo vuole un attaccante (Pucciarelli, Lapadula, Sharp), il Brescia punta a trattenere il gioiellino Tonali, mentre il Verona lavora ad un rinforzo in difesa (Bianda). La dirigenza del Lecce continua a seguire con estrema attenzione la situazione di Panagiotis Tachtsidis, duttile centrocampista classe ’91, mentre quella del Pescara deve resistere agli assalti per José Machin e tra le squadre interessate al cartellino del centrocampista classe ’96 c’è adesso anche il Milan, che lo ha fatto visionare dal vivo in diverse occasioni. Il Perugia sta accelerando per Rosi, lo Spezia ha tutta l’intenzione di trattenere il giovane attaccante Okereke, mentre il Crotone è forte sul difensore Salvatore Monaco. Ma prima c’è da sistemare la situazione in panchina.