Riavvolgiamo il nastro dei ricordi e per pochi minuti torniamo alla stagione 2006/07, passata alla storia come la prima stagione nella storia della Juventus in Serie B.

Erano i tempi di Calciopoli, erano i tempi di un’estate molto turbolenta per il calcio italiano: l’indimenticabile vittoria dei Mondiali in Germania ha fatto da contraltare ad una delle pagine più grigie della storia del nostro calcio moderno. Lo scandalo Calciopoli colpì direttamente la Juventus, che oltre a vedersi revocata la vittoria del campionato appena concluso, sprofondò nell’inferno della Serie B. Per la Vecchia Signora era la prima (e ad oggi unica) presenza nella serie cadetta; sono tanti i volti che figuravano tra i bianconeri quell’anno, chi più noti e chi no. Analizziamo adesso l’attuale vita di uno dei protagonisti di quella stagione agli ordini di Deschamps: Marco Marchionni.

DV497477

Marchionni, la Juventus e il presente

Marco Marchionni fu acquistato dalla Juventus dell’allora presidente Cobolli Gigli nel 2006, anno della discesa in Serie B. Marchionni non era un volto propriamente sconosciuto nel panorama calcistico italiano: il classe ’80 infatti era reduce da 6 stagioni in Serie A con le maglie di Parma e Piacenza, tutte o quasi da titolare. Il centrocampista giocò la stagione 2006/07 in pianta stabile, e a promozione conquistata rimase tra le file dei bianconeri anche nella massima serie, fino al 2009. Quell’anno Marchionni passa alla Fiorentina, dove vivrà delle ottime stagioni sotto la guida del futuro allenatore della Nazionale Cesare Prandelli. Dopo ulteriori due stagioni con la maglia del Parma, la carriera di Marchionni appare sulla via del tramonto. Difatti, il giocatore passerà alla Sampdoria, dove collezionerà la miseria di una presenza, e successivamente si trasferirà prima al Latina e poi alla Carrarese, squadra vicina al suo luogo di nascita, Monterotondo. A Carrara lo scorso anno, Marchionni vive la sua ultima stagione da calciatore professionista, annunciando il suo ritiro dal calcio giocato nell’estate 2018. All’orizzonte però, si è già stagliato un futuro da allenatore per lui: infatti l’ex Juventus da questa stagione è stato designato come vice allenatore della stessa Carrarese. E chissà che, anche da allenatore, Marchionni non possa ripetere o magari migliorare le discrete gesta dimostrate sul campo.