Paolo De Ceglie (Getty Images)

Paolo De Ceglie fece il suo esordio in Serie B con la maglia della Juventus. Adesso svincolato, il terzino valdostano non riuscì a mentenere le attese.

DE CEGLIE JUVENTUS SERIE B / Oltre ai big, la Juventus nella stagione della Serie B ripartì anche dai suoi giovani. Insieme a Giovinco, Marchisio e Palladino c’era anche Paolo De Ceglie tra i gioielli della cantera bianconera pronti al grande salto. Il terzino valdostano esordì in prima squadra proprio nel campionato cadetto, collezionando alla fine 8 presenze e una rete. Deschamps gli diede fiducia malgrado la giovane età, con De Ceglie che non sfigurò nelle occasioni in cui andò a rimpiazzare Balzaretti sulla corsia si sinistra della difesa juventina.

Il tutto faceva promettere una brillante carriera al giocatore classe ’86, che dopo una positiva stagione in prestito al Siena ritornò alla base con Claudio Ranieri in panchina. L’allenatore romano lo utilizzò con una certa frequenza, con De Ceglie che trovò spazio anche con Antonio Conte nell’anno del primo scudetto della Juventus post-Calciopoli. Da lì in poi arriveranno però le amarezze per il valdostano, che non riuscì a compiere quel salto di qualità per meritarsi la conferma in una grande squadra come la Juventus. Arriveranno così i prestiti senza fortuna con Genoa, Parma e Marsiglia fino alla rottura con il club torinese. E l’addio, a parametro zero, alla scadenza del contratto nel giugno 2017.

Juventus, De Ceglie: da promessa a flop

De Ceglie ha raccontato di quel periodo: “Senza il campo, senza la possibilità di giocarsi il posto, è un incubo che non auguro a nessuno. Non puoi stare stabilmente in un gruppo di cui non fai parte. E in cui non sei voluto. Ma farò sempre il tifo per i bianconeri. Del Piero è stato il mio idolo, Conte l’allenatore della svolta”. De Ceglie lo scorso gennaio ci ha riprovato ripartendo dalla Svizzera con la maglia del Servette. Esperienza breve però e senza sussulti, terminata al termine della stagione. Attualmente svincolato, è a caccia di una nuova occasione: ma il treno della gloria è ormai definitivamente passato.