Pescara (Getty Images)

Il primato in classifica del Pescara nasconde un segreto: la retroguardia esperta composta da Campagnaro, Balzano e Del Grosso, autori di un ottimo inizio di campionato. 

La vittoria contro il Benevento ha compattato ancor di più il Pescara. Dopo sette giornate di Serie B la squadra abruzzese guida la classifica con 15 punti totalizzati ed è una delle due compagini in cadetteria, insieme alla Cremonese, a non aver ancora perso in campionato. Soltanto sette reti merito soprattutto della difesa esperta composta dal 32enne Balzano, dal 35enne Del Grosso e dall’ex Napoli e Inter Hugo Campagnaro (38 anni). Nelle scorse stagioni l’argentino aveva sofferto di tanti problemi muscolari, risolti ora pienamente grazie ad una tabella personalizzata di allenamenti. Nell’ultima sfida di campionato contro il Benevento Campagnaro è stato uno dei migliori in campo guidando con leadership la difesa abruzzese e sfiorando anche il gol con un colpo di testa deviato in angolo da Puggioni. A centrocampo e in attacco Pillon può contare sulla freschezza dei giovani Machin e Antonucci, entrambi cresciuti nel settore giovanile della Roma.

Pescara, Machin la giovane sorpresa

Arrivato lo scorso gennaio a Pescara, José Machin (classe 1996) ha conquistato un posto da titolare nel centrocampo dopo qualche panchina di troppo. L’ex Roma ha siglato, inoltre, il gol vittoria contro il Benevento mostrando così tanta euforia nel post-partita: “Quest’anno si respira tutta un’altra aria. Il segreto principale del nostro successo è questo, oltre che un gruppo siamo una famiglia. Sono molto contento per il primo gol”. Un mix di esperienza e gioventù pronto a stupire tutti in Serie B.