Cagliari
Cagliari

LIVORNO CAGLIARI PAGELLE – Ecco le pagelle di Livorno-Cagliari:

LIVORNO

Ricci 7: Bella scoperta questo giovane portiere che gioca al posto del titolare Pinsoglio, ma non lo fa rimpiangere. Sul gol è coinvolto indirettamente dal mancato retropassaggio di Cecchierini, ma è decisivo in almeno 4-5 occasioni, soprattutto nel finale su Fossati.

Ceccherini 4,5: L’errore che porta al gol del Cagliari è troppo grave, visto che mette subito in discesa il match per i rossoblu. Retropassaggio sciagurato e, sullo sviluppo dell’azione, gol di Farias.

(dal 1′ st Calabresi) 5,5: Ormai gioca stabilmente da terzino, ma forse non ha il passo giusto, anche perchè il Cagliari è sempre pericoloso in qualsiasi momento.

Gonnelli 5,5: Troppo avventato in certe occasioni, alterna buone chiusure a qualche falla di troppo.

Lambrughi 5,5: Idem come Gonelli. Certe volte sembra insuperabile, altre invece molto meno, anche perchè spesso è troppo lento e statico.

Gasbarro 5,5: Troppo timido. Ogni tanto sulla sinistra trova il varco giusto però non è ‘cattivo’ nel mettere la palla in mezzo. Balzano è un osso duro, tiene bene anche se forse gli manca ancora un pò di personalità.

Moscati 6: Buon contributo. Delle volte si allarga quasi a fare l’ala nel 4-4-2. Qualche volta è impreciso, ma lotta e si destreggia bene.

Schiavone 6,5: Regista dalla visione periferica e dal buon lancio. Altra bella prestazione del ragazzo scuola Juve. Nel primo tempo spaventa Storari con un paio di tiri dalla distanza. Il faro di questo Livorno.

Cazzola s.v.

(dal 10’pt Biagianti) 6: Si aggiunge e Schiavone per un doppio playmaker che dà qualità alla squadra, soprattutto nel primo tempo. Nella ripresa si innervosisce come qualche suo compagno.

Jelenic 5: Scarso contributo prima da ala e poi da seconda punta. Mutti lo utilizza per innescare le due punte, ma non lo fa mai e anche quando si mette in proprio non combina nulla di che.

Vantaggiato 6: E’ l’anima del Livorno. Trova il gol del pareggio, fondamentale, ma è troppo nervoso per tutto il corso del match. Rischia di farsi cacciare fuori per ripetuti insulti verso l’arbitro che, a suo modo di dire, non gli fischia nulla, soprattutto in occasione di un possibile rigore nel primo tempo. Tiene a galla la squadra.

Comi 5,5: Ingaggia un duello con Ceppitelli senza esclusioni di colpi, ma alla fine non riesce ad essere concreto. Più scontro fisico che altro. Esce poi molto nervoso, un pò come molti giocatori amaranto.

(dal 27′ st Palazzi) 5,5: Si mette in mezzo al campo a ‘fare legna’ per il finale di partita. In sofferenza su Tello.

All: Mutti 6: Un buon punto contro la corazzata Cagliari. E’ vero che il portiere Ricci ha compiuto un paio di parate decisive, ma anche la sua squadra ha qualcosa da recriminare, anche per alcune decisioni arbitrali avverse.

CAGLIARI

Storari 6,5: Sul gol di Vantaggiato la barriera non gli ha assicurato la protezione giusta. Nel resto della gara abbassa la sua solita saracinesca andando ad intervenire su conclusioni pericolose degli avversari.

Balzano 6,5: Solito gladiatore che non si risparmia e lotta fino all’ultimo. ‘Ara’ la fascia in lungo e in largo. Un’imprecisione di troppo non permette al Cagliari di concretizzare un buon contropiede nella parte finale del primo tempo, ma il suo contributo è sempre più che positivo.

Ceppitelli 6,5: Nel primo tempo ingaggia un duello tutto fisico con Comi, poi rischia un rigore su Vantaggiato che poteva costargli caro, ma in generale è attento e preciso, dimostrando di essere ancora una volta il leader della difesa rossoblu.

Salamon 6,5: Anche lui, come Ceppitelli, è preciso e attento, e stavolta non si dimostra nemmeno un pizzico meno attento del compagno come in altre circostanze. Una coppia ben collaudata.

Barreca 6: Un po’ meno bene rispetto ai match contro Sassuolo e Lanciano, ma comunque prova positiva per lui.

Munari 6: Solito lavoro ‘alla Dessena’. Ci mette quantità e prova a dare una mano all’azione offensiva. Sostituito all’intervallo da Rastelli che mette un centrocampista offensivo.

(dal 1′ st Tello) 6: Delle volte ci mette troppa foga e sbaglia, ma quando ha campo è imprendibile. Dà brillantezza all’azione offensiva rossoblu.

Fossati 5,5: Si vede poco, si nasconde forse un pò troppo. Regista unico per quasi tutto il primo tempo, non riesce a fare lo stesso lavoro che fa Di Gennaro. Con l’ingresso in campo del suo compagno torna a fare la mezz’ala, ma oggi non è del tutto brillante.

João Pedro 5,5: Un pò spaesato, non trova la posizione giusta e vaga per il campo senza un compito ben preciso. Qualche errore di impostazione, esce forse per un problema muscolare che certamente l’ha condizionato in questo match.

(dal 38′ pt Di Gennaro) 6: La differenza con Fossati si vede. Un paio di bei lanci illuminanti, anche se forse i rossoblu giocano sotto ritmo, visto che quando hanno accelerato hanno fatto male alla difesa amaranto.

Farias 7: Ancora una volta il migliore dei suoi. Trova subito il gol dopo tre minuti con una bella conclusione di esterno sinistro. Per il resto è sempre lui che crea i pericoli maggiori per i suoi, sia con assist, che con tiri in porta.

Sau 5,5: Movimento e qualche giocata, ma troppo poco per un giocatore come lui. Bravo nel far commettere l’errore a Ceccherini in occasione del gol, ma per il resto avrebbe potuto fare qualcosa in più.

(dal 30′ st Cerri) 6: Dentro per l’assalto finale ma ha pochi palloni giocabili.

Melchiorri 6,5: Ancora una volta un suo tiro colpisce un legno (stavolta doppio nella stessa azione), davvero sfortunato in questo periodo. La sua grande mole di lavoro non è ripagata dal gol. Le sue azioni in velocità sono sempre molto pericolose, peccato che non trovi più il gol.

All: Rastelli 5,5: Un punto a Livorno non è da buttar via, però per com’è andato il match può sembrare un passo falso. I suoi hanno buttato troppe chance per raddoppiare, sia sul 1-0, sia sull’1-1. E ora bisogna vedere cosa fanno le dirette concorrenti tra domani e dopodomani, prima dello scontro diretto contro il Bari e del match di Coppa Italia contro l’Inter.

Marco Orrù