Spezia (getty images)
Spezia (getty images)

SERIE B SPEZIA GENTSOGLOU DICHIARAZIONI CONFERENZA STAMPA / LA SPEZIA – Se vuole alimentare la fiamma della speranza play off, lo Spezia non deve più sbagliare. A cominciare dal prossimo impegno di campionato previsto per sabato 26 aprile alle ore 15 sul campo dell’Empoli, in cerca di riscatto dopo la sconfitta di Lanciano che le è costato il secondo posto in classifica ad appannaggio del Latina.

E’ il concetto espresso dal centrocampista greco della squadra aquilotta Gentsoglou che, intervenuto in conferenza stampa, ha dichiarato: “Veniamo da due prove convincenti che hanno portato 6 punti; abbiamo giocato bene, ma, a questo punto della stagione, con 7 gare ancora davanti, conta solo vincere, non basta il bel gioco, giocare bene passa in secondo piano. Noi dobbiamo assolutamente continuare su questa strada. Nelle ultime due gare siamo riusciti a esprimere un buon calcio senza subire reti; l’attenzione è massima, cerchiamo di rimanere concentrati ed anche il cambio di modulo ci sta dando vantaggi; il 4-4-2 da più equilibrio alla squadra. Merito mio? Tutti noi diamo il nostro contributo; quello di B è un campionato lunghissimo dove serve l’aiuto di tutti. Con Sammarco formiamo una buona coppia, ci integriamo bene e ci aiutiamo a vicenda; è un giocatore importante che ha fatto per tanti anni la Serie A; lui non ci sarà ad Empoli per squalifica, ma ci sarà un altro compagno che darà il massimo, dunque nessun problema.

Lo scorso anno è stato un campionato molto diverso; questo è un torneo più equilibrato, con una sola squadra ormai sicura della promozione e dietro ancora grande incertezza. Ogni partita è una battaglia, con un paio di risultati positivi si torna in ballo per un risultato importante e direi che, allo stato attuale, chi è a 46 punti, può lottare per i play-off. Noi avremo diversi scontri diretti, molti dei quali in trasferta; penso che giocare in casa, davanti al proprio pubblico, sia sempre un grande vantaggio, ma noi dovremo cercare di fare il massimo anche fuori. La barba? Non la taglio fino a fine campionato, sono diventato superstizioso”.