foto getty images
foto getty images

SERIE B EUROBET CARPI-PADOVA I tifosi del Padova aspettavano una svolta che neppure oggi si è concretizzata

Poteva essere la gara della svolta quella odierna. Il Padova si è presentato al Braglia di Modena per proseguire il discorso con il Carpi interrotto lo scorso 31 agosto al 26’30” prima del black out. Da una parte una squadra che aveva vinto solo una delle ultime gare, dall’altra un’altra capace di rimontare il doppio svantaggio interno contro il Modena. Poteva e doveva in virtù di una classifica che si fa sempre più precaria con i biancoscudati i quali ora raggiungono il Cittadella a quota 23 e conquistano il quinto punto in trasferta. 41 gol è il pesante passivo globale di una difesa troppo spesso bucata e disattenta. E’ successo anche oggi a Santacroce, un errore individuale costato caro ai veneti andati sotto prima della pausa per demerito del difensore e contemporaneo merito di Memushaj. Ci è voluto il secondo guizzo consecutivo di Riccardo Improta, l’ultimo ad arrendersi a Latina, capace di dare seguito con gol e prestazione alla marcatura siglata sabato all’Euganeo. Oggi mister Serena ha optato per Vantaggiato e Melchiorri lasciando in panchina Rocchi e Pasquato in attacco. Un reparto che fatica a carburare con soli 22 reti attive ovvero il peggiore di tutta la cadetteria.  Il bottino è magro soprattutto perchè pesano le undici sconfitte esterne appesantendo un cammino davvero complicato fuori dai propri confini.

Sabato a Varese il Padova sarà chiamato ad un altro impegno lontano dalle mura amiche, per cominciare ad intervertire la tendenza prima che sia troppo tardi