Fulvio Pea (Getty Images)

PADOVA NOVARA PEA / PADOVA – Dopo quattro risultati utili consecutivi, il Padova di Pea si appresta a ricevere un Novara lanciatissimo in direzione play off, obiettivo che a inizio stagione era dato ampiamente alla porta della compagine biancoscudata. Nella conferenza stampa di vigilia, il tecnico dei veneti dichiara: “Dal nostro punto di vista tutte le partite hanno uguale valore, ma i tre punti di domani confermerebbero il buono stato di forma fisica e mentale! E il campo difficilmente dice menzogne, non so cosa voglia fare il Novara, ma so cosa vogliamo fare noi! Al Novara va comunque grande merito ed onore, perché hanno fatto un gran girone di ritorno. Dei miei giocatori qualcuno ha avuto qualche normale acciacco ma ci sono anche dei rientri come Piccinni e Renzetti, mentre martedì dovrebbero tornare in gruppo Babacar e anche Farias. È uno sport di contatto, è normale che ci siano degli infortuni! Capita a tutte le squadre. Classifica? La matematica dice che non siamo ancora salvi, giochiamo al massimo queste quattro partite per dimostrare tutto il nostro valore, perché si parla più della salvezza che dei playoff? Bisogna cercare di guardare alla realtà e pensare soprattutto a stare attenti dietro. Il presidente Cestaro è molto esigente e ci chiede sempre la vittoria, ed è giusto così. La squadra continua a crescere e ad allenarsi con grande intensità e i molti tifosi accorsi ieri l’hanno potuto notare… Questa è una squadra compatta con giocatori che si sacrificano l’uno per l’altro! La società ha fatto molto bene nel mercato di gennaio. Cuffa? Lo riproporrò centrale difensivo! È intelligentissimo, può ricoprire tranquillamente questo ruolo… Gliene ho parlato lunedì ad Ascoli e ha accettato senza problemi! Per questa squadra farebbe anche il portiere. Domani verrà riconvocato anche Anania. Modena-Sassuolo? Mi auguro che vinca il Sassuolo, dove trovate una squadra che fa 170 punti in due anni?”