Hernan Crespo, ex attaccante di Inter, Lazio, Milan eParma, è stato intervistato dalla trasmissione Mediaset ‘La tribù del calcio’. L’argentino ha rivelato un interessante retroscena di mercato:

JUVENTUS – “Era il 1995 e la Juve venne in Argentina a fare per una tournèe. C’erano tutti: Moggi. Giraudo, Lippi Bettega. Avevano già visto molte mie videocassette e avevano deciso di acquistarmi. Lippi, strizzandomi l’occhio, mi disse addirittura di imparare l’italiano. Poi, tutto sfumò perché arrivò Sivori e disse che di attaccanti come me ce n’erano tanti in giro. I dirigenti bianconeri gli diedero retta e tornarono in Italia senza di me”.

PARMA – “Avevo appena compiuto 20 anni e ricordo che nei 6 mesi successivi il mancato ingaggio in bianconero feci cose incredibili: vinsi la Coppa Libertadores col River Plate, divenni capocannoniere e vinsi la classifica dei marcatori anche alleOlimpiadi. Successe questo: il River aveva raggiunto un accordo per la mia cessione al Parma, ma in Argentina ci fu una sollevazione popolare. Persino il presidente Menem, grande tifoso del River, prese posizione affinché il club non mi cedesse. Il River, però, aveva dato la sua parola al Parma e firmai un contratto per 4 stagioni”.

Fonte: calciomercato.it