Bepi Pillon (Getty Images)

La sfida salvezza del ‘Granillo’ trova Reggina e Bari in condizioni decisamente diverse. Da una parte i calabresi, con la sconfitta di Varese, sono tornati in zona playout dopo essersene momentaneamente allontanati con le due vittorie che avevano aperto l’era Pillon. Dall’altra, invece, i pugliesi sono stati la squadra col miglior rendimento nel mese di marzo (insieme al Novara): sei risultati utili, quattro vittorie e due pareggi, che hanno tirato fuori i ragazzi di Torrente dalla zona retrocessione in cui erano precipitati anche per via della penalizzazione.

REGGINA: Pillon deve sostituire lo squalificato Bergamelli: in difesa toccherà a Di Bari. A centrocampo rientra Hetemaj, che ha scontato il turno di stop. Difficili altre novità, come l’impiego di Bombagi e Campagnacci dall’inizio.

BARI: Torrente è senza gli squalificati Polenta e Sciaudone e l’infortunato Caputo. A centrocampo ci sarà De Falco, in attacco sarà confermato Tallo. A destra Ristovski sarà preferito a Sabelli. Ancora panchina per Bellomo.

Probabili formazioni:
Reggina (3-5-2): Baiocco; Adejo, Ely, Di Bari; Antonazzo, Hetemaj, Colucci, Barillà, Rizzato; Comi, Di Michele. All.: Pillon.
Bari (4-3-3): Lamanna; Ristovski, Ceppitelli, Dos Santos, Rossi; De Falco, Romizi, Defendi; Iunco, Tallo, Ghezzal. All.: Torrente.