Queste le pagelle di Pro Vercelli – Brescia, 32a giornata del campionato di Serie B.

 

PRO VERCELLI

 

Valentini 7: Compie dei veri e propri miracoli su Caracciolo e Corvia, entrambi nella prima parte di gara. Potrebbe fare di più sul secondo gol, ma resta ampiamente sufficiente la sua prestazione.

 

Modolo s.v. : sfortunato, deve lasciare il campo a pochi minuti dall’inizio della gara. (dal 10’ Sini 5: quando sembra aver trovato quadratura su un settore a lui sconosciuto, incappa in un errore ingenuo che dà via all’azione che porta al gol di Scaglia. Non preciso in copertura anche in occasione della seconda rete.)

 

Ranellucci 5 : clamorosa l’ingenuità sul gol di Scaglia. Nella prima frazione fa fatica a prendere le misure sugli attaccanti, in particolare su Corvia che si divora un gol facile.

 

Borghese 5,5: Fa sentire il fisico a Caracciolo che, tuttavia, lo supera con un bel sombrero nell’occasione del secondo gol. Complice in alcune disattenzioni iniziali.

 

Scaglia 6: il suo gol è di quelli che non finiresti mai di rivedere. Per il resto addomestica la fascia con buon impegno, limitando gli attacchi di Zambelli.

 

Germano 6: nonostante la giovane età, dimostra di aver personalità. Schierato in un ruolo offensivo, fatica ad arrivare sul fondo. (dal 50’ Scavone 4,5: cerca di dare più geometrie al centrocampo, ma non riesce ad imporsi. Incredibile il pallone che regala a Corvia sulla terza rete.)

 

Genevier 6 : cerca di fare uscire la squadra con la solita classe. Ogni tanto capita anche a lui di sbagliare appoggio.

 

Appelt Pires 6: lavora più in termini di quantità che di qualità. Sempre titolare dal ritorno in campo dopo l’infortunio, rimane uno dei giocatori più talentuosi nella formazione piemontese.

 

Cristiano 5: pasticcia un po’ troppo, sbagliando spesso e volentieri l’appoggio alle punte. (dal 64’ Filkor 5,5: non al meglio della condizione, prova a dare il suo contributo).

 

Ragatzu 6: Braghin ha detto che se parte da lontano può essere devastante. In questa serata, viene limitato fin troppo bene dalla retroguardia bresciana.

 

Eusepi 6: lavora con tanto impegno, ma i pochi palloni che gli vengono recapitati lo trovano sempre spalle alla porta. Propizia il gol del momentaneo pari, ma più di quello purtroppo non gli riesce, non certo per demeriti suoi.

 

All. Braghin 5,5: nuovamente costretto a bruciarsi un cambio nei primi minuti di gioco, mette in campo i pochi a disposizione di un gruppo ampiamente decimato. La sua squadra subisce la forza fisica e la qualità del Brescia. I cambi non fanno la differenza, ma quelli aveva.

 

BRESCIA

 

Arcari 6: Impossibile prendere il pallone di Scaglia che, pur arrivando dalla lunga distanza, va a togliere le ragnatele dall’incrocio. Per il resto, partita attenta senza grossi rischi.

 

Zambelli 6,5: il capitano spinge molto sul suo settore di competenza, creando qualche disturbo al suo marcatore.

 

De Maio 6: Si fa vedere sui calci piazzati, ricevendo più palloni di Caracciolo. Attento in fase difensiva.

 

Caldirola 5,5: anche lui tende a salire sulle palle inattive. Non preciso sull’avanzata di Eusepi che dà il via al secondo gol piemontese.

 

Daprelà 6: spinge meno di Zambelli. Dalla sua parte, Germano non gli crea grossi pericoli.

 

Lasik 5: da un suo pallone perso, nasce il gol di Scaglia (Pro Vercelli). Opaco, viene sostituito nell’intervallo. (Dal 45’ Finazzi 6: impegnato, si presta alla causa con grande attenzione).

 

Budel 7: solita dimestichezza con il pallone tra i piedi. Da regista navigato, riesce a smistare tutti i palloni che gli capitano con grande maestria, dando il via alla manovra delle Rondinelle.

 

Rossi 6: cerca di saltare l’uomo per creare la superiorità numerica, ma non sempre gli riesce la giocata.

 

Scaglia L. 7,5: decisivo sotto ogni punto di vista. Segna il primo gol e propizia il terzo, grazie a un bel colpo di testa che si stampa sulla traversa prima di essere ribadito da Corvia. Partita di grande completezza. (Dal 88’ Benali s.v. )

 

Corvia 7: si fa perdonare l’errore del primo tempo con due reti di grandissimo valore, in termini di classifica. Opportunista.

 

Caracciolo 5,5: potrebbe trovare la rete nel primo tempo ma Valentini gli dice di no. Suo l’assist involontario a Corvia, in occasione del secondo gol. Bravo negli episodi, ma abbastanza avulso nel resto della gara. (Dal 78’ Mitrovic s.v. )

All. Calori 6,5: la sua squadra gira, vincendo con merito. Continuando di questo passo, i playoff sono pienamente a disposizione.

 

 

Daniele Corvia (Getty Images)