Claudio Foscarini

Terzo derby veneto consecutivo per il Cittadella, dopo le sfide con Vicenza e Padova. Foscarini spera di migliorare un bilancio che sin qui è di un pareggio e una sconfitta, ma di fronte avrà l’avversario sulla carta più difficile, il Verona secondo in classifica e imbattuto da sette partite. I granata possono però affidarsi anche alla scaramanzia: l’ultima sconfitta per la squadra di Mandorlini è arrivata in un altro derby, quello col Padova.

CITTADELLA: Foscarini, ancora con assenze importanti soprattutto in difesa, potrebbe confermare l’intera formazione che ha affrontato il Padova. Resta da verificare il recupero di Di Carmine, che potrebbe sostituire Maah oppure partire comunque dalla panchina.

VERONA: La novità migliore per Mandorlini, rispetto al pareggio col Cesena, è il rientro di Cacia dopo la squalifica. I problemi saranno a centrocampo: Hallfredsson è squalificato e uno dei candidati a sostituirlo, Martinho (che sarebbe tornato nel suo vecchio ruolo) si è allenato a parte in settimana ed è in forte dubbio. Potrebbe quindi esserci spazio per Bacinovic.

Probabili formazioni:
Cittadella (4-3-3): Cordaz; Sosa, Martinelli, Pellizzer, De Vito; Vitofrancesco, Baselli, Schiavon; Di Roberto, Giannetti, Maah. All.: Foscarini.
Verona (4-3-3): Rafael; Crespo, Maietta, Moras, Cacciatore; Laner, Jorginho, Bacinovic; Gomez, Cacia, Rivas. All.: Mandorlini.