Spezia, Michele Serena a ‘RadioCalciomercato.it’:”Il triplete è stato una goduria! Futuro al Catania? nessun contatto”

Michele Serena

Il tecnico dello Spezia Michele Serena ha parlato ai microfoni di ‘RadioCalciomercato.it’. Ecco le sue parole, iniziando dal ripercorrere la splendida stagione di quest’anno: ”Il triplete è stata una goduria, siamo stati i primi a vincere le tre competizioni della Lega Pro, è una grossa soddisfazione per me e per tutti noi. Non è stata una stagione facile, abbiamo avuto delle difficoltà in campo e fuori. Io sono arrivato a stagione iniziata infatti e non dimentichiamo che abbiamo avuto i problemi con Carobbio per le scommesse e Rivalta per il grave malore che ha avuto. Ma siamo andati avanti e nella parte finale abbiamo trovato la continuità giusta che ci ha permesso di vincere il campionato”. Serena poi parla delle voci di mercato che lo vogliono sulla panchina del Catania il prossimo anno: ”Per me si parla di aria fritta, nel senso che non c’è niente. Mi ha chiamato un amico per informarmi di questa notizia apparsa in Tv, ma non so altro. Ho un contratto con lo Spezia e lì sto cercando casa. Posso solo dire che è gratificante quando viene riconosciuto il proprio lavoro”. La prossima stagione, per Serena, sarà con lo Spezia in Serie B: ”Un campionato lungo, faticoso, difficile, ci vuole soprattutto programmazione e un progetto serio fin da subito, per non sbagliare tutto”. Tornando a Carobbio: ”Io lo ricordo come un ragazzo educato, a modo, è una cosa che ha sconvolto tutti qui a La Spezia, anche se io ho lavorato poco con lui”. Un commento alle parole di Monti, il quale ha dichiarato che il calcio dovrebbe fermarsi per 2-3 anni. Serena se la cava con una battuta: ”E allora chiudiamo anche la politica per 10 anni?… Un ultimo pensiero per il suo ex club, il Grosseto: ”Non ho nessuna rivalsa verso di loro, ho un buon rapporto col Presidnete Camilli, ci eravamo lasciati bene e lui stesso è stato uno dei primi a chiamarmi dopo la chiamata dello Spezia”.

di Marco Orrù

Notizie Correlate

Commenta