Ternana, i talenti in vetrina che fanno gola alla serie B

Davide Carcuro con la maglia della Salernitana

Secondo le previsioni della vigilia degli addetti ai lavori la Ternana, sulla carta, era stata inserita in seconda fascia, quella che gli avrebbe garantito di lottare per i play off. La compagine rossoverde guidata da Domenico Toscano sta letteralmente dominando il campionato di Lega Pro, con 31 punti frutto di 12 risultati utili consecutivi (otto vittorie e quattro pari). Gli umbri si costituiscono in un mix di talentini tutti da scoprire e giocatori di esperienza utilissimi per la categoria. In vista del mercato di gennaio molti potrebbero essere corteggiati proprio da qualche club di serie B. In difesa si sta contraddistinguendo Pasquale Fazio, siciliano nativo di Messina classe 1989 in prestito dall’Andria. Il centrale si è messo in evidenza andando in rete ad Avellino nella trasferta vinta per 3-1 dalla Ternana ed ora, da qualche domenica, viene immesso dal tecnico, a comporre la linea a 3 della linea difensiva dal tecnico calabrese. E’ il vero dominatore dell’area di rigore Fabio Pisacane, classe 1986 nonostante disponga di un’altezza nella media. Le sue caratteristiche sono una grande intelligenza tattica, senso della posizione e capacità di inserimento che hanno fruttato già due reti nel derby contro il Foligno e nella partita contro il Pisa. Regista di grande sacrificio, dinamico con grande proprietà di palleggio: Davide Carcuro è il centrocampista centrale che permette ai compagni di dettare i tempi e ribaltare il gioco sfruttando l’ampiezza. Il ventiquattrenne veneto in serie B ha giocato con la Salernitana, compagine con la quale ha sfiorato la promozione ai play off. Sulla fascia destra agisce Alessandro Bernardi, in prestito dalla Nocerina. Il venticinquenne vero motorino della dorsale rossoverde, ha festeggiato il suo primo centro proprio ieri pomeriggio a Reggio Emilia aprendo le marcature. E’ ormai idolo della tifoseria Salif Dianda lo scorso anno protagonista nella cavalcata in serie cadetta della Juve Stabia. Nella fase offensiva può essere utilizzato come esterno d’attacco o di centrocampo a seconda delle esigenze, è del 1987. Sul binario sinistro scende Massimo Gotti, bergamasco classe 1986. Il cursore mancino lo scorso anno ha disputato 21 presenze nell’Empoli e quest’anno cerca proprio con la Ternana di riappropriarsi della categoria cadetta. Sono due i centri stagionali, uno al Viareggio e l’altro su calcio piazzato contro il Carpi. In attacco due i nomi caldi per le Fere. Il primo è Angelo Raffaele Nolè, anno di nascita 1984 e un bagaglio tecnico di notevoli qualità. Il suo è un ruolo cardine per la manovra offensiva verticale degli uomini di Toscano. In totale cinque le reti fin’ora messe a segno ma soprattutto una serie di giocate da categoria superiore. Infine Gianluca Litteri, aitante ariete nativo di Catania. Oltre le due reti siglate a Taranto e il tracciante di rara bellezza e potenza al Pavia, grandi capacità aeree, di difesa della palla e sponda ai compagni per una delle promesse del futuro, ora in Lega Pro. E’ in prestito dall’Inter, nel suo passato anche apparizioni in serie B con il Vicenza.

Notizie Correlate

Commenta