Nello studio di Bologna in cui si tenevano le riunioni per pianificare le partite di interesse del gruppo degli scommettitori «Bolognesi», a cui è accusato di appartenere l’ex attaccante della Lazio, Beppe Signori, gli investigatori della Squadra Mobile hanno trovato assegni ed altri titoli per un valore di circa 400 mila euro. Tutto ciò proverebbe lo scambio di denaro della ‘cricca’. Signori, che è sempre ai domiciliari, dovrebbe essere ascoltato mercoledì dal gip Guido Salvini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here