Coronavirus, il presidente tuona | ”Da pazzi riprendere. A settembre…’

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:44

Il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, interviene sull’argomento della ripresa dei campionati: “Da pazzi riprendere”

Serie C Ghirelli
Francesco Ghirelli (Getty Images)

Il calcio italiano continua a brancolare nel buio in attesa di riuscire a trovare la soluzione giusta per la ripresa dei campionati. Dopo un mese di stop ancora non è certo quando si potrà tornare in campo e se si potrà ricominciare. Sull’argomento si è espresso il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, che precisa di essere stato il primo a sospendere la Serie C per l’emergenza Coronavirus.

Potrebbe interessarti anche >>> Serie B, il presidente boccia la FIGC: “Modello impraticabile”

Potrebbe interessarti anche >>> Ascoli, bufera Stellone | L’avvocato: “Inammissibile, chiederemo un risarcimento”

Prestiti Serie B
Pallone Serie B (Getty Images)

Potrebbe interessarti anche >>> Calciomercato Cosenza, scelto l’erede di Pillon

Coronavirus, Ghirelli sulla ripresa: ”Sarei impazzito a far riprendere”

Continua a far discutere la questione sulla ripresa dei campionati italiani a seguito della sospensione dovuta all’emergenza Coronavirus. Ad intervenire sull’argomento è stato il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, che ai microfoni di ‘Tv7‘ dichiara: “Il pensiero di Gravina è quello di finire i campionati per evitare che il calcio sia preda dei ricorsi che creerebbero ancora più confusione, ma si potrà ripartire solo quando le autorità sanitarie daranno il via libera con la Serie A che dovrebbe iniziare prima delle altre avendo una struttura che regge le indicazioni sanitarie. Noi ci adegueremo all’indicazione che arriva dalla Federazione che è quella di finire i campionati in ogni caso, andando anche oltre alla data limite. E questo presuppone che ci saranno retrocessioni e promozioni”.

Ghirelli coronavirus Lega Pro in chiaro su Eleven Sport
Francesco Ghirelli (Getty Images)

Poi chiude precisando: “Ho fermato per primo il calcio il 21 febbraio e sarei impazzito se in una situazione peggiore di allora mi mettesi a farlo ripartire. Se invece si parla di settembre il discorso è diverso. Come Serie C abbiamo una linea precisa e mi sono battuto fino all’ultima giornata del Girone C affinché non si giocasse senza pubblico perché per me senza tifosi il calcio non esiste”.

Potrebbe interessarti anche >>> Pescara, Fiorillo: “Ripresa da playoff e playout. La mia paura…”