Gigi Cagni (Getty Images)

Grande vittoria dello Spezia quest’oggi al Picco contro l’Empoli, squadra in grande forma reduce dal 5-0 alla Juve Stabia e in piena rincorsa play off. Un 3-0 senza repliche che l’allenatore della formazione ligure Luigi Cagni commenta così, come riporta cittadellaspezia.it:

“Qui c’è uno stadio dove la gente vuole certe cose. L’obiettivo primario è partire dalla determinazione, dalla concentrazione e dalla coralità. Il calcio moderno è totale. Prima della partita avevo detto ai ragazzi di giocare come martedì ma con più personalità e qualità: il sacrificio porta a questo. Così porti a fare gol tutti. Dietro c’è più convenzione nelle situazioni che si vengono a creare. Per quanto riguarda l’Empoli avevo detto ai ragazzi una cosa semplice: hanno fatto 60 gol ma ne hanno subiti quasi quanto noi. Ai ragazzi l’ho detto: ci attaccheranno ma ci sarà modo di attaccarli. La squadra ha trovato gli equilibri nelle due fasi e se fai questo è facile che non subisci niente. La svolta? E’ figlia della sconfitta con la Pro Vercelli, è stata la chiave, perché quel chiarimento ha avuto gli effetti sperati. Ora il destino è in mano a loro. Questa squadra può vincerle anche tutte. Il mio destino? Sono un traghettatore…”.