ingresso in campo di Ternana-Reggina

In attesa del posticipo Livorno-Novara il match clou del 37° turno infrasettimanale è Reggina-Sassuolo. Non è semplicemente perché lo dice la classifica quanto per le dinamiche che si potranno innescare al triplice fischio finale. I neroverdi dopo aver dominato il campionato cadetto si trovano in una fase calante con appena quattro punti raccolti nelle ultime cinque partite disputate. E si sono ridotte proprio a quattro le lunghezze dal Livorno, capace di rosicchiarle nello scorcio di partite dove la capolista ha rallentato la sua corsa. Inoltre sabato scorso ha rischiato il secondo ko consecutivo evitato da Alessandro Longhi nella partita interna disputata contro il Brescia. Gli amaranto sono usciti malconci dalla sfida salvezza del Liberati contro la Ternana, una sconfitta maturata nella prima frazione non solo per la rete subita da Litteri e di una scarsa propensione alla fase offensiva. Nella ripresa c’è stato il ritorno dei calabresi, dopo l’espulsione diretta di David Di Michele culminato con un colpo di testa di Comi deviato con bravura da Brignoli. E sarà proprio la sfida degli assenti perché oltre al Re David mancheranno Adejo e Barillà tra i padroni di casa, Magnanelli e Gazzola nei neroverdi tutti per squalifica. A quota 41 si respira area rarefatta per la Reggina che però può contare su un dato positivo. Era infatti dal gennaio-febbraio 2012 che non infilava due successi interni consecutivi, come è accaduto prima della sfida dell’infrasettimanale. Sarà dunque una serata tutta da vivere con il campo principale pronto a riservare sorprese.