Oggi ha precisato l’avvocato Luigi Chiappero, difensore del Torino sul caso Euganeo: “Il rinvio al 25 maggio, da parte dell’Alta Corte di giustizia sportiva del Coni, della decisione sul nostro ricorso è stato deciso per consentire al Padova di controdedurre, in quanto la nostra raccomandata con la notifica ha impiegato dieci giorni per giungere alla società veneta. Il ricorso è stato spedito nei tempi corretti, il 4 maggio”.