Gubbio-Juve Stabia, ESCLUSIVO/ Le stagioni opposte delle due ‘Cenerentole’

Il Gubbio si gioca un ultimo disperato tentativo di salvezza, la Juve Stabia non ha altri obiettivi se non onorare il campo per concludere al meglio una stagione sorprendente. Da una parte, gli umbri sono penultimi in classifica, hanno cambiato quattro allenatori, e con un’ulteriore sconfitta vedrebbero ridursi al lumicino le speranze anche solo di raggiungere la zona playout. Dall’altra, i campani, stabilmente nelle mani di Piero Braglia, il tecnico della promozione, sono riusciti per tutto il campionato a tenersi lontani dalla zona a rischio, hanno festeggiato una tranquilla salvezza anticipata e per un po’ hanno persino cullato il sogno playoff, che magari sarebbe durato più a lungo senza la penalizzazione di 4 punti. Le due contendenti del primo dei due posticipi di domani arrivano alla partita con motivazioni diverse, eppure all’inizio del campionato erano tanti i punti ad accomunarle. C’era sicuramente il fatto di essere espressione di città non capoluogo di provincia, così come la lunga gavetta nelle serie minori, con gran parte della loro storia spesa in Serie C ma anche tra i dilettanti. Soprattutto, entrambe avevano nel loro passato una sola altra stagione in Serie B, che per entrambe le squadre risaliva davvero a un’altra epoca: a 64 anni fa per il Gubbio (stagione 1947-48), a 60 anni fa per la Juve Stabia (stagione 1951-52). Prima e dopo, una storia segnata, come quella di tante altre realtà di provincia, da campionati minori, fallimenti e rifondazioni. L’Associazione Sportiva Gubbio era nata nel 1910, ma solo nel 1930 aveva iniziato a partecipare al campionato di Terza Divisione Umbra. Era seguita una lunga scalata che l’avrebbe portata, nel dopoguerra, ad arrivare in B, ma appena un anno dopo, nel 1949, la società era fallita dovendo ripartire da capo. Ci sarebbero voluti ben 38 anni prima che la città potesse riabbracciare il calcio professionistico, con la promozione in C2 nel 1987. Il destino era stato simile per la squadra campana, allora Associazione Calcio Stabia, che fallì soltanto un anno dopo aver disputato il suo unico campionato di Serie B, nel 1953. La Società Sportiva Juventus Stabia, che ne ereditò la tradizione sportiva, raggiunse la C2 nel 1979, prima di nuove vicissitudini societarie e di un nuovo fallimento soltanto pochi anni fa, nel 2001. Comunque finisca questa stagione per il Gubbio, per entrambe le squadre è stata sicuramente una bella favola.

Notizie Correlate

Commenta